Il padrone resta senza lavoro e Fido finisce dritto in canile

PER APPROFONDIRE: canile, fido, lavoro, padrone
Il padrone resta senza lavoro  e Fido finisce dritto in canile

di Marina Lucchin

PADOVA - La crisi lascia i cani senza famiglia: se i padroni perdono il lavoro, Fido finisce in canile. Ogni giorno la Lega nazionale per la difesa del cane, che a Padova gestisce il rifugio a Rubano, riceve telefonate di proprietari di animali domestici che hanno deciso di abbandonare nella struttura il proprio cane perché non ce la fanno più a sostenere le spese per il suo benessere e a mantenerlo. Lo racconta Nicol Khoury, responsabile del rifugio che al momento ospita circa 120 quattro zampe.

TROPPO COSTOSO
D'altro canto, se non si ha la fortuna di essere proprietari di un cane in salute, il portafogli piange: i croccantini per i calcoli renali costano un occhio della testa, idem la pappa a base di pesce se l'animale è allergico alla carne. E le cose vanno ancora peggio se tocca rivolgersi al veterinario: gli esami sono cari, per non parlare di un intervento chirurgico. Così qualcuno, tra le lacrime, ha pensato di portare il proprio cane al rifugio, nella speranza che qualche famiglia più fortunata si occupi di lui. Come rivelato dall'esponente della Lega nazionale per la difesa del cane...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Dicembre 2017, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il padrone resta senza lavoro e Fido finisce dritto in canile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-12-07 00:47:23
Un cane può anche costare ma solleva la depressione e fa tanta compagnia. Se uno in preda alla disperazione ed alla depressione dovesse pensare al suicidio, se prima guarda il suo cagnetto e la fine che farebbe senza di lui, sono convinto che desisterebbe senza indugio dal suo intento.
2017-12-06 12:22:36
... nessuna giustificazione.. quel poco che c'è si divide a metà.. dove sta scritto che i " fidi " debbano mangiare croccantini o scatolette ultra pubblicizzate . essi di fronte all'amore si accontentano anche di un pezzo di pane e pure raffermo.. da quel che posso intuire questi " amici " dei cani ( strutture ricettive ) coltivano ben altri interessi.. è proprio lo stato d'infelicità dovuta al mancato lavoro che rende la presenza del cane ( termine da cambiare ) preziosa per il suo amico bipede...
2017-12-07 12:23:17
Hai il recird di dire sciocchezze su ogni argomento. Ho due cani, la prima ha la dermatite atopica che per alleviare il suo lrurito orende una oastiglua giornaliera che mi cista 800 euro al mese, devo darle criquettes di pesce, il maschietto ha problemi di stomaco e devo dargli cibo speciale che costa una scatoletta 3,95 al giorno, altrimenti morirebbe di diarrea, ha avuto una anemia con ricovero e trasfusione che mi è costata 2000 euro. Do loro pane raffermo? Quando uno scrive perché ha le dita e qui mi fermo.