Il medico anti-chemio Rossaro contattato dal padre di Eleonora

Eleonora Bottaro e Paolo Rossaro

di Marco Aldighieri

BAGNOLI DI SOPRA (PD) - Il padre di Eleonora, indagato insieme alla moglie per omicidio colposo aggravato dalla previsione dell'evento, proprio nei mesi della malattia della figlia contattò più volte Paolo Rossaro, meglio conosciuto come il medico anti-chemio. Eleonora, morta ad appena 18 anni il 29 agosto dell'anno scorso perché ammalata di leucemia linfoblastica acuta, aveva rifiutato per tre volte di sottoporsi alla chemioterapia all'ospedale di Schiavonia, nel reparto di Oncoematologia pediatrica dell'ospedale civile e all'ospedale di Bellinzona in Svizzera. Una volontà, secondo la pubblica accusa rappresentata dal procuratore aggiunto Valeria Sanzari, dettata dai suoi genitori e non da una sua libera espressione. Una decisione, quella di non curarsi con la medicina tradizionale, cavalcata dal padre Lino Bottaro di 63 anni impegnato nei mesi della malattia della figlia, a prendere contatti, anche telefonici, con il dottor Rossaro.  

 
 


Il medico nel marzo del 2015 è stato condannato in via definitiva a un anno e sei mesi per omicidio colposo. La Cassazione aveva certificato l'esistenza del nesso di causalità tra le cure di medicina palliativa e la patologia di cui è morto Cristian Trevisan il 24 dicembre del 2007, camionista 35enne residente a Poiana Maggiore in provincia di Vicenza. Fino all'ultimo il dottor Rossaro aveva contestato la tesi secondo cui le sue terapie di sollievo dal dolore avrebbero, con criterio di certezza scientifica, indirettamente indotto (inefficacia terapeutica) la progressione dello stato di malattia neoplastica del camionista...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 29 Aprile 2017, 12:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il medico anti-chemio Rossaro contattato dal padre di Eleonora
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-04-29 16:24:03
gia peccato che la legge dei grandi numeri sia spesso falsata da interessi economici notevoli
2017-04-29 13:32:56
Rossaro?! Radiatelo se non l'avete già fatto. I genitori? Ancora non hanno realizzato cosa hanno fatto o cosa di cui ne sono stati complici? Io credo che ora debbono convincersi di aver fatto la cosa giusta altrimenti una persona ben capace si dispererebbe come minimo
2017-04-29 13:25:56
da lettore che ha avuto la sportuna di perdere una cara zia materna ,per yumore osseo DICHIARO che la chemioterapia a cui si è sottoposta è servita solo ad accelerare il propagarsi della malattia .
2017-04-29 14:02:08
La scienza medica non puo' basarsi su aneddoti personali, ma deve farlo su statistiche fatte di grandi numeri e su ricerche controllate e verificate. Si sa che nel caso della leucemia linfoblastica acuta, la malattia di Bottaro (malattia completamente diversa da un tumore osseo) il tasso di guarigione si aggira attorno all'80%.
2017-04-29 13:04:19
Medico antichemio ? E uno antiantibiotici non c'e' ? Come un elettricista contrario all'elettricita'. Sarebbe auspicabile che il relativo Ordine dei Medici proseguisse con la pulizia