Agente si uccide con un colpo di pistola davanti al cimitero della figlia

PER APPROFONDIRE: morto, suicidio, villafranca padovana
Agente finisce il servizio e si uccide  nel cimitero dove è sepolta la figlia
PADOVA - Tragedia della depressione in serata: un agente della polizia penitenziaria di Padova si è tolto la vita sparandosi con un colpo di pistola. La tragedia è avvenuta stasera poco dopo le 19.30 davanti nel cimitero di Villafranca Padovana dove è sepolta una figlia del poliziotto, una ragazza che è morta una decina d'anni fa per malattia.

Stamani  l'agente  aveva svolto regolarmente il suo turno di servizio al Due Palazzi. Il poliziotto si è ucciso all'interno della sua auto davanti al cimitero. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

La vittima. A. M., aveva 45 anni era sposato e aveva tre figli.

Altri particolari sul Gazzettino del 25 novembre

Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.768
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 24 Novembre 2017, 20:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Agente si uccide con un colpo di pistola davanti al cimitero della figlia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2017-11-29 10:55:03
no si dovrebbero lasciare le armi a gente che ha passato lutti cosi' grossi..
2017-11-28 16:12:27
Che la terra gli sia lieve.
2017-11-25 19:52:28
gazzettinoo: purtroppo io in quel ambiente ci lavoro e anche insieme ad Antonio, e vi posso assicurare che nn è facile lavorare in un ambiente dove tt le mele marce della società vengono arrestate e portate dentro. Tutti i vari problemi che loro hanno all’interno di un istituto a partire dal più facile a quello più difficile, loro lo scaricano su di noi xchè sm noi che stiamo a contatto 8 ore al giorno, poi metti stress, stanchezza, vita esterna. Poi vedi che loro hanno più diritti di noi, ti girano le scatole a mille. Comunque rimane il fatto, visto che lo conoscevo nell’ambito lavorativo non era depresso e non prendeva psicofarmaci, lo voglio dire xchè ho letto articolo che dicono il contrario.
2017-11-25 19:27:52
R.I.P.
2017-11-25 18:42:18
Anche un ambiente di lavoro come quello del carcere non aiuta molto ad alzare il buonumore purtroppo.