Gigolò per signore e "prostituti": il compenso? Spese al market

PER APPROFONDIRE: gigolò, padova, prostituzione
Signore a caccia di gigolò

di Marco Aldighieri

PADOVA - Una Padova a “luci rosse” è nascosta tra piazza De Gasperi e la zona della stazione ferroviaria. Un angolo di città dove i clienti sono donne in cerca di uomini, e attempati anziani a “caccia” di ragazzini di colore. E il pagamento non avviene in denaro, ma in cibo. E già perchè chi si prostituisce, per lo più giovani senegalesi, è alla disperata ricerca di un pasto. Ancora meglio se il cliente finanzia la prestazione sessuale con una spesa al supermercato. «I ragazzi senegalesi si posizionano, quasi sempre, tra via Cairoli e corso del Popolo.

Ad adescarli sono signore di mezza età» ha raccontato un commerciante di piazzale della Stazione. «Si è vero, vengono avvicinati dal sesso femminile e a volte si fanno pagare in cibo» ha confermato una donna in attesa dell’autobus. Così i giovani africani, pur di mangiare qualcosa, si sono trasformati in toy boys per le padovane cinquantenni. Il fenomeno sarebbe nato circa un anno fa, ma si sarebbe ampliato all’inizio di quest’anno, a partire dalla fine del mese di gennaio. «È da un paio di mesi - ha sottolineato la signora alla fermata del bus - che vedo movimento. Spesso ho notato donne avvicinare i ragazzi africani, ma qualche volta anche degli uomini. Accade a tutte le ore del giorno». Ma accorgersi non è semplice, perchè l’approccio da parte dei clienti con questi giovani senegalesi avviene quasi di nascosto. In mezzo alla strada, tra centinaia di passanti.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 13 Aprile 2018, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gigolò per signore e "prostituti": il compenso? Spese al market
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 93 commenti presenti
2018-04-14 18:30:53
Ora sì che si è raggiunta la parità! Sono certo che se capiterà una signora sotto il raggio d'azione dei vigili, verrà multata di 500 euro e verrà messa alla gogna in prima pagina, con nome e cognome, come avviene per la controparte maschile.
2018-04-16 09:36:07
...ah,ah,ah. Sono certo che anche tu non ne sei tanto certo. D'altronde, quando si tratta di giudicare un fatto commesso da una donna, la Legge si interpreta e non si applica...ah,ah,ah.
2018-04-14 14:19:38
Non e' una scelta, credo si tratti di necessita': alla fine bisogna far quadrare i conti. Sono i ruderi ricevuti in lascito dalla immondizia politica e dalle indecenti istituzioni.
2018-04-14 06:47:49
Compleanno di Patty Pravo "..pensiero stupendo..nasce un poco tremando...si potrebbe trattare di bisogno d'amore, MEGLIO NON DIRE.." Paolo Conte , " dal corpo di Lui saliva afrore di coloniali, da Lei di gomma...quei due sapevano a memoria dove volevano arrivare...DANCING...!
2018-04-15 04:21:08
Vado a scarsa memoria ma credo che, nelle allegorie di Paolo Conte in "Boogie" l'afrore di coloniali venisse dal corpo di lei, che peraltro mandava pure vampate africane. Allo stesso tempo lui sembrava un coccodrillo. Di gomma erano i rumori e non gli odori: Da lei si spandevano rumori di gomma e vernice, da lui di cuoio. IL tutto mente sopra, un ventilatore da soffitto ronzava immenso.