Tragico gesto nel parco pubblico: 24enne si toglie la vita impiccandosi

Tragedia nel parco, annuncia su Fb  di volersi uccidere: trovato impiccato

di Marina Lucchin

PADOVA - Tragico gesto di un giovane padovano e orrore nel parco pubblico: stamattina verso le 8 una passante ha visto un uomo impiccato a un albero all'interno del parco san Tommaso ad Albignasego. La donna, a passeggio con il suo cane, sotto choc  ha lanciato l'allarme e i Carabinieri sono arrivati sul posto: la vittima è un ragazzo di 24 anni di Albignasego che soffriva di depressione.

Sulla sua pagina Facebook ieri mattina aveva annunciato le sue intenzioni coin una scritta inquietante: "Kill me" (mi uccido). Un'amica gli aveva risposto preoccupata. Poi il silenzio e l'insano gesto probabilmente di questa notte.

--

Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.768
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Settembre 2017, 09:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragico gesto nel parco pubblico: 24enne si toglie la vita impiccandosi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-09-08 22:04:52
.....pero'....di parola....!
2017-09-08 18:44:57
il modo più assurdo per risolvere i propri problemi.
2017-09-08 15:55:49
Rispettiamo la lingua inglese : "Kill me" significa "uccidimi".
2017-09-08 13:00:11
... sarà l'uomo mai felice. si. ma solo un po meno infelice.. non è lo stato il responsabile. ma il suo stato di vivente buttato al mondo a sua insaputa per scelta altrui...
2017-09-08 12:52:05
Il suicidio tra i giovani, purtroppo, è sempre esistito, solo che una volta, vissuto con colpa e peccato, da parte delle famiglie, si tendeva a nasconderlo. L'età del adolescenza e della giovinezza sono anni difficilissimi in cui le persone più sensibili possono soccombere sotto il peso delle proprie insicurezze. Un amore finito, la discriminazione dei coetanei, una identità sessuale vissuta con senso di colpa, il sentirsi o l'essere messi fuori dal "branco", possono esserne le premesse. Ci accontentiamo di cercare sempre un colpevole fuori da noi, che non ci metta in discussione e quindi, il governo di turno che non risolve con la bacchetta magica tutti i problemi è perfetto. E' vero che abbiamo appostato per un sistema economico in cui la competizione, la precarietà del lavoro, l'estetica a tutti i costi, sono congeniti e questo non aiuta chi non gode di antichi privilegi, ma mi chiedo se realmente tutto può ridursi a questo. Nei paesi scandinavi, il cui stato sociale e il benessere riescono a supplire alle situazioni di difficoltà lavorativa, c'è il più alto tasso di suicidi al mondo, specie tra i giovani. L'animo umano è imperscrutabile e la vita una condizione fragile. Un pensiero triste e un abbraccio ai poveri famigliari di questo ragazzo che devono affrontare il dolore più grande che un essere umano può provare.