Addio a Eleonora tra fiori e affetto
I genitori rifiutarono la chemio

Addio a Eleonora tra fiori e affetto
I genitori rifiutarono la chemio

di Nicola Benvenuti

BAGNOLI - Sgomento, dolore e solidarietà a Lino e Rita Bottaro, genitori di Eleonora, la diciottenne di Bagnoli morta lunedì sera all'ospedale di Schiavonia in seguito all'aggravarsi della leucemia da cui era affetta. I genitori e la stessa Eleonora si erano opposti alle cure con la chemioterapia. La veglia di preghiera molto partecipata nella serata di ieri sarà seguita dalle esequie nel primo pomeriggio di oggi nella chiesa di San Michele.

Sempre aperti e disponibili ad iniziative solidali, i coniugi Bottaro hanno scelto di accompagnare l'ultimo viaggio della figliola senza fiori, ma raccogliendo fondi da destinare all'associazione Tamandarè di padre Enzo Rizzo, sacerdote di Tribano, prematuramente scomparso in Brasile, dove parenti e amici continuano la sua opera di assistenza a bambini e famiglie povere. 


 
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 1 Settembre 2016, 10:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Addio a Eleonora tra fiori e affetto
I genitori rifiutarono la chemio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2016-09-02 18:23:23
Non bisogna dimenticare che il fatto in questione non ha solo aspetti privati, ma anche inerenti la salute pubblica; il padre della sfortunata ragazza è sostenitore e divulgatore delle tesi di Geerd Hamer, radiato dall'ordine dei medici in Germania ed attualmente latitante; Hamer (peraltro antisemita e con simpatie neonaziste) ha già causato numerose vittime con le sue strampalate teorie e probabilmente anche in futuro ne causerà parecchie, specie tra quelle persone psicologicamente più deboli che sono propense a seguire i metodi di "guarigione" venduti a caro prezzo da pseudomedici, maghi e santoni di ogni specie.
2016-09-01 16:57:08
ma di quali scienza e conoscenza stai parlando??? è proprio questo il problema: non c'era scienza né conoscenza e così la povera ragazza non c'è più... inoltre, l'interesse pubblico E' stato offeso. chi difende questi (sfortunati) ragazzi da genitori irrazionali, ingenui e creduloni?? infine. il rispetto c'è tutto per la povera ragazza; non c'è per i genitori (che, nonostante le evidenze e la morte, continueranno imperterriti nelle loro miserabili farneticazioni e stupide credenze).
2016-09-01 16:33:29
Ma di cosa state parlando! Compito di un genitore è quello di fare il possibile per salvare la vita dei propri figli. Tutti noi con un semplicissimo giro in Google possiamo vedere chi era questo fantomatico medico che teorizzava la cura miracolosa: un cialtrone radiato dall'ordine dei medici, oltre che essere indagato, arrestato e condannato. Secondo voi il medico di famiglia non li aveva avvisati? I medici dell'ospedale non li avevano avvisati? Addirittura lo Stato è intervenuto togliendogli la patria potestà!!! Ma niente hanno fatto di tutto nel perseverare nella loro decisione. E vi ricordo che perseverare è diabolico. Certo compassione per la perdita di una giovane ragazza, ma da qui a dire che ognuno è padrone a casa sua ce ne passa. Sei padrone delle tue cose non della vita degli altri, neanche di quella dei tuoi figli. E probabilmente neanche della tua.
2016-09-01 15:31:21
La scelta di vivere o morire non spettava che a Eleonora.
2016-09-01 15:14:56
Il rispetto è dovuto. Certo i Genitori hanno scelto quello che erano convinti fosse il meglio per la loro Creatura. Forse è intervenuta una qualche superstizione, una fede nell'imponderabile....Ma questo attiene alla sfera personale, intoccabile. Siamo loro vicini.