Discarica abusiva: rifiuti pericolosi accanto a terreni coltivati e stalle

Discarica abusiva: rifiuti pericolosi accanto a terreni coltivati e stalle
SAN GIORGIO IN BOSCO - I carabinieri del reparto Forestale di Cittadella hanno posto sotto sequestro, in un'azienda zootecnica nel Comune di San Giorgio in Bosco, un'area in cui era stato depositato, senza alcuna protezione direttamente sul terreno, un enorme quantitativo di rifiuti anche pericolosi.

I militari hanno accertato che il titolare dell'azienda depositava in maniera incontrollata rifiuti anche pericolosi in prossimità dei terreni agricoli e delle stalle. Fra i rifiuti sono stati riscontrati flaconi vuoti che contenevano sostanze pericolose per l'ambiente e la salute, bidoni semi aperti con all'interno residui di prodotti e farmaci medico-veterinari presumibilmente utilizzati in azienda per le profilassi zootecniche, nonché altri rifiuti ed imballaggi di vario genere.

Per il titolare dell'azienda zootecnica, che ha ammesso le sue responsabilità, scatteranno contestazioni e sanzioni. La scoperta è stata fatta anche attraverso la simultanea lettura del registro di carico e scarico rifiuti e del registro dei trattamenti veterinari effettuati sugli animali, verificando che quel che poteva sembrare un semplice «deposito temporaneo di rifiuti» in realtà si è rivelato essere un vero e proprio abbandono, il cui responsabile, oltre alla multa, dovrà provvedere al ripristino dei luoghi e alla verifica di eventuali inquinamenti causati alle risorse ambientali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Marzo 2018, 13:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Discarica abusiva: rifiuti pericolosi accanto a terreni coltivati e stalle
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-15 20:01:06
... non sono quelli che si vedono i più pericolosi. ma gli invisibili in quanto sotterrati, nell'aria, nell'acqua e nei suoli. spesso quel chiamiamo rifiuti non sono altro che materie prime secondarie riutilizzabili. solo che siamo ancora troppo ricchi per farlo..
2018-03-15 10:54:54
Qualcuno lo comunichi al pensionato troppo impegnato a leggere sulla terra dei fuochi...e non sulla terra della monnezza sotto casa