Domenica 7 Ottobre 2018, 19:54

«Noi imprenditori vittime dei nomadi tra furti e degrado»

PER APPROFONDIRE: curtarolo, nomadi, roberto peruzzo
La protesta degli imprenditori

di Gabriele Pipia

CURTAROLO - «Arrivano, si fermano e sporcano. Poi vanno via, tornano e sporcano ancora. E intanto noi subiamo anche un furto dietro l’altro». Roberto Peruzzo, imprenditore di lungo corso, convive da anni con le carovane dei nomadi e ora alza la voce perché non ne può più. «Stiamo investendo per espanderci e creare nuova occupazione, ma qui loro fanno ciò che vogliono. Ora basta».

LEGGI ANCHE Tornano i nomadi in via Longhin: terzo sgombero in una settimana

Siamo nella zona industriale di Curtarolo, una delle più grandi dell’Alta Padovana. Qui ha sede la Peruzzo, storica azienda specializzata nelle macchine per l’agricoltura e per la cura del verde, che lavora anche fuori dai confini nazionali e registra un fatturato da 10 milioni di euro. Da anni combatte con la sporcizia lasciata da un gruppo di nomadi e adesso riaccende l’attenzione sul problema. Come se non bastasse Peruzzo denuncia anche i ripetuti furti nei cantieri, altro tema molto sentito in tutta la provincia. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Noi imprenditori vittime dei nomadi tra furti e degrado»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 43 commenti presenti
2018-10-10 00:51:27
Ricordate sempre che le leggi che proteggono questa gente le ha fatte la SINISTRA. Indulto del 2006: 17.000 (DICIASSETTEMILA) delinquenti in liberta'; decreto svuotacarceri del 2013, che ha svuotato le carceri ma riempito l'italia di delinquenti; depenalizzazioni del 2016; decreto salvaladri, regalo dello scorso Natale dell'ex ministro della "giustizia" Orlando, in base al quale chi viene condannato a meno di 4 anni (anche con sentenza definitiva) rimane libero in attesa dell'affidamento in prova... Le amministrazioni locali possono fare ben poco.
2018-10-09 14:01:31
Immaginate un'Italia che tratti gli zingari come dei normali cittadini, senza privilegi p particolari riguardi, sarebbe certamente un'Italia più sicura.
2018-10-09 13:00:53
Abbracciamo i nostri amici rom urlava ricki ventola a un comizio tra gli applausi dei presenti.
2018-10-08 17:57:25
per Favore non stiamo a criminalizzare i "Protetti" di Papa Francesco e centri sociali!!!
2018-10-08 17:09:27
Non solo gli imprenditori ma credo tutti i cittadini. E' alquanto strano che viviamo in uno Stato che non è capace di fare rispettare la pulizia. E soprattutto consenta a dei TOPI, nomadi ed in generale chi sporca, di fare quello che vogliono (vedi sacchetti di immondizia che aumentano nei fossi anche qui da noi dove da decenni facciamo la raccolta differenziata). Ma quando è ora di chiedere il Canone RAI, l'IVA, la tassa sui rifiuti, l'acqua, l'ENEL e il GAS, lo Stato e le aziende concessionarie, sono precise, perfette al centesimo nel chiederci tutto e di più. Ma la pur sempre bassa percentuale di TOPI rispetto a 60 milioni di persone che vivono in Italia, lo Stato non riesce proprio a fare nulla... E' proprio strana l'Italia...