Assalto di 2823 persone in fiera per un posto da infermiere

PER APPROFONDIRE: concorso, fiera, infermiere, padova
Assalto di 2823 persone in fiera per un posto da infermiere

di Federica Capellato

PADOVA - Corse speciali di pullman da Napoli, Caserta, Salerno. Carpooling da Torino, Cortina d'Ampezzo, Brescia, Udine, Genova, Desenzano, Modena, Mantova. Alcuni sono arrivati in treno da Bologna, Firenze, Conegliano, Roma, Ferrara, altri in traghetto dalla Sardegna, chi in taxi, chi perfino in autostop. Grande assalto ieri mattina all'Ulss 6 Euganea che ha espletato la prova scritta del primo concorso bandito su scala provinciale (dopo l'unificazione delle tre Ulss) per un posto da infermiere, incarico a tempo indeterminato. Ben 2.823 gli iscritti, anche se ne sono effettivamente presentati 2.163, con un calo di numeri ritenuto fisiologico. Gran ressa alla Kioene Arena dove si è tenuto il test. E tra dieci giorni replica, stavolta con la preselezione al PalaFabris degli iscritti al concorso che si svolgerà poi il 28 settembre al complesso universitario Vallisneri, promosso dalla dirimpettaia Azienda ospedaliera: 2.689 candidati, anche qui per un solo posto da infermiere.
Dopo le lezioni propedeutiche offerte dal collegio provinciale Ipavsi e dalla Cisl settore sanità (eventi formativi cui hanno preso parte in estate 180 partecipanti), i pretendenti al posto fisso si sono dovuti ieri confrontare con quesiti a risposta aperta, dimostrando di sapersi destreggiare tra codici colore assegnati al triage e somministrazione di insulina, solo per citare un paio di argomenti proposti dal compito incentrato su legislazione, aspetti etici e organizzazione della professione, infermieristica clinica generale e specialistica, metodologia clinica.
Il miraggio, per tutti: uno stipendio certo, in tasca a fine mese, di circa 1.400 euro netti. A contendersi l'occasione sono stati laureati in Scienze infermieristiche provenienti da mezza Italia, una buona fetta da Campania, Lazio, Puglia, Abruzzo, Marche, Molise. «Vengo da Pescara, ho diviso le spese di benzina e autostrada con due colleghi, anche loro in corsa per trovare un lavoro stabile. Da una parte mi piacerebbe riuscire nell'impresa - confida il 31enne Sebastiano - dall'altra mi dispiacerebbe dovermi allontanare così tanto da casa. Ma lavoro dalle mie parti non ce n'è». Sabrina, 26 anni, da Lucca non si fa tante illusioni: «Finora ho trovato impiego in una casa di riposo, il mio sogno è lavorare nel pubblico, in una grande Ulss, il mio fidanzato è veneziano quindi per me Padova sarebbe la città ideale. Ma siamo talmente tanti...».
Seguirà una prova pratica con domande a risposta sintetica tese alla verifica delle conoscenze delle tecniche e delle prestazioni infermieristiche ed assistenziali ovvero alla risoluzione di casi assistenziali, infine un esame orale durante il quale sarà accertata la conoscenza dell'uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse nonché la conoscenza, almeno a livello iniziale, di una lingua straniera. La graduatoria che scaturirà sarà disponibile, a spanne, in autunno. Il primo classificato di ciascun concorso si guadagnerà il posto subito, con gli altri nominativi si stenderà graduatoria (le precedenti sono andate esaurite in entrambi gli enti) cui si attingerà nei mesi a seconda delle esigenze delle nostre realtà sanitarie, e delle vincolanti autorizzazioni regionali, indispensabili a procedere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 9 Settembre 2017, 11:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Assalto di 2823 persone in fiera per un posto da infermiere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-09-12 11:44:48
Qualcuno continua a dire che c'è ripresa aumenta l'occupazione etc. Bugiardi politici.
2017-09-10 22:10:02
Dopo aver avuto assistenza da un infermiera polacca e una peruviana il giorno dopo, chiesi ad altri infermieri italiani -ospedale di Padova- come mai ci siano tanti infermieri comunitari ed extracomunitari. Mi risposero che quello è un lavoro che i giovani italiani non vogliono più fare. Cosa dite ??..
2017-09-10 09:22:00
La vera malattia italiana? Gli italiani!!!
2017-09-09 16:57:18
posto fisso, paga sicura e lavoro ::::::::ma??????????
2017-09-09 16:32:31
fino a qualche anno fa per assumere un infermiere si doveva andare in Romania a cercarli... ora che mamma e papa' hanno finito i soldi... eccoli tutti in fila a mendicare un posto da 1000euro!...