Lunedì 25 Giugno 2018, 10:59

Il successo fuori dal Veneto e dall'Italia: il pilota, la curatrice e il ricercatore, tre talenti in fuga

Il successo fuori dal Veneto e dall'Italia: il pilota, la curatrice e il ricercatore, tre talenti in fuga

di Maria Elena Pattaro

PADOVA - L'Italia aveva poco da offrire, così hanno fatto le valige e si sono trasferiti all'estero per completare gli studi o per trovare lavoro. È la scelta coraggiosa compiuta da Damiano Miazzi, Damiano Buratto e Beatrice Marciani, tre ragazzi della Bassa padovana che hanno fatto carriera oltre i confini. Tre volti, tre storie diverse accomunate da un lato dall'intraprendenza di inseguire i propri sogni, dall'altro dal rammarico di non riuscire a realizzarli nel proprio paese. Così hanno accettato la sfida di mettere radici rispettivamente a Macao, Shangai e Parigi per fare la professione che hanno sempre sognato: pilota di linea, ricercatore e curatrice di musei. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il successo fuori dal Veneto e dall'Italia: il pilota, la curatrice e il ricercatore, tre talenti in fuga
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-06-26 11:16:22
E felice chi si accontenta!!!
2018-06-26 10:57:23
in itaGlia si resta per pagare vitalizi altrui, baby pensionati, sindacalisti, redditi-di-cittadinanza, e chi piu ne ha piu ne metta!...
2018-06-25 18:55:03
Non trovate strano che dal veneto scappino i giovani e arrivino Rumeni e quant'altro? Ma in veneto non presiede la giunta la lega e fi con il più amato dei presidenti d'italia? Tre secondi per porsi questa domanda dovreste trovarli. Scappano dai leghisti per un futuro migliore all'estero questa è la banale risposta.
2018-06-25 18:55:03
Gia', ma in Australia sognano le Dolomiti e Venezia. Quando vengono in vacanza qui, le partner non vorrebbero piu' tornare.Sfruttiamo bene quel che abbiamo solo noi,invece di degradarlo.
2018-06-25 18:50:18
State lontani più che potete in italia oramai siamo governati da una classe politica inumana e antieconomica.