Benedetta e la meningite fulminante: «Salvata grazie ai vaccini»

 Benedetta Rosatello sui social
PADOVA - Colpita da una forma di meningite «nella maggior parte dei casi fulminante», spiega di essersi salvata anche grazie ai vaccini e punta il dito contro i comportamenti anti-scientifici. Benedetta Rosatello, la 19enne piemontese di Lagnasco (Cuneo), che vive a Padova ed è iscritta all'Università, a inizio gennaio era stata ricoverata per meningite da meningococco di ceppo B, ha raccontato la sua esperienza sui social.

«Ancora non avevo il vaccino per il ceppo B specifico - scrive Benedetta - ma ero già protetta grazie al tetravalente contro i ceppi A, C, Y e W. Con ogni probabilità, proprio questo mi ha salvata concedendomi il tempo di arrivare in ospedale dove ho potuto iniziare subito le cure necessarie».

Meningite, morto bimbo di 2 anni a Bologna: sembrava influenza, rimandato a casa

Nel post, Benedetta invita a ricordare che la vita è piena di incognite. «Proprio per questo  sono convinta che sia importantissimo tutelare noi stessi e la nostra famiglia, perché ogni vita vale la pena di essere vissuta e trovo assurdo che, nonostante gli enormi progressi raggiunti in campo medico, si continui ad essere restii e diffidenti». «Nessuna scienza è esatta, ma ciò - conclude - non significa che bisogna rifuggire in toto i potentissimi strumenti di prevenzione sanitaria di cui siamo in possesso».

Morta a 19 anni Brianna: rifiutò le cure contro la leucemia per far nascere il figlio sano

Benedetta ha seguito la discussione sui vaccini obbligatori a scuola che ha tenuto banco negli ultimi tre anni e ora si è trasformata in una sorta di «testimonal» pro vax. «La mia intenzione non è fare discorsi politici -  scrive ancora - Rispetto le idee di tutti, così come pretendo che vengano rispettate le mie. Desidero semplicemente gettare un po’ di luce sulla mia vicenda. Ho sentito che il mio caso clinico è diventato quasi famoso; al di là della curiosità medica, mi piacerebbe che venisse preso come esempio del fatto che a volte semplici gesti quotidiani, come potrebbe essere stato per me andare a studiare in biblioteca, possano avere risvolti inaspettati».

Altri servizi sul Gazzettino del 23 Gennaio 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 22 Gennaio 2019, 09:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Benedetta e la meningite fulminante: «Salvata grazie ai vaccini»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 59 commenti presenti
2019-01-22 21:41:16
I no vax sono il massimo dell'espressione scientifica del leghista medio.
2019-01-23 10:55:07
Guarda che chi non desidera i vaccini non viene difeso ne' dalla Lega ne' dai 5s
2019-01-22 19:15:52
Per Nicola Carraretto. Stessa cosa per me che sono a rischio per problemi ai polmoni. Da quando mi vaccino mai avuto alcun problema.
2019-01-22 19:04:47
non vorrei sembrare offensivo ma qui qualcuno ci sta prendendo per ritardati mentali, i vaccini si fanno per non prendere la malattia, come fa allora il vaccino a salvare una che ce l'ha gia? Puzza tanto di propaganda stile anni 40.
2019-01-23 13:26:26
Malei l'ha letto l'articolo? "«Ancora non avevo il vaccino per il ceppo B specifico - scrive Benedetta - ma ero già protetta grazie al tetravalente contro i ceppi A, C, Y e W. Con ogni probabilità, proprio questo mi ha salvata concedendomi il tempo di arrivare in ospedale dove ho potuto iniziare subito le cure necessarie»". Ho il sospetto che quanto da lei affermato nella sua prima riga sia sostanzialmente esatto.