Autopsia su David, il giavellottista 16enne: «Patologia non individuabile dai medici sportivi»

PER APPROFONDIRE: david cittarella, giavellotto, morto, padova
Autopsia su David, il giavellottista:
«Patologia non individuabile»
PADOVA - La patologia che ha ucciso David Cittarella, sedicenne giavellottista delle Fiamme Oro morto nel sonno a Padova nella notte tra martedì e mercoledì scorso, non era individuabile dai medici sportivi, che nel corso degli anni hanno rilasciato al ragazzo le autorizzazioni a svolgere attività agonistica. È questo il primo esito dell'autopsia svolta sul corpo del giovane atleta.

A svolgere l'esame è stata la professoressa Cristina Basso, ordinario di Anatomia patologica a Padova. Sono ancora molti gli esami eseguiti sul corpo del giovane atleta per i quali si attende una risposta: bisognerà infatti aspettare l'esito delle indagini istologiche dei vari organi e degli accertamenti molecolari. L'obiettivo è capire se la patologia che ha «spento» il cuore del ragazzino sia congenita, se ci fossero segni che in qualche modo potessero far presagire il decesso.

Sul caso non è stato aperto un fascicolo in Procura. La famiglia non ha ancora deciso la data del funerale, che si terrà comunque con una cerimonia laica nell'auditorio dell'Iris Marconi di Padova, scuola che il giovane atleta frequentava. Alla famiglia sono giunte in queste ore le condoglianze della Presidente del Senato, la padovana  Maria Elisabetta Alberti Casellati, del sottosegretario ed ex sindaco di Padova, Massimo Bitonci, e dei vertici della Polizia di Stato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 18:10






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autopsia su David, il giavellottista 16enne: «Patologia non individuabile dai medici sportivi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-02-22 07:19:30
Ma non esiste l'ecocardiografia 3d a colori a 360 gradi?? O e' indagine solo per paganti in cliniche private?? Uno sportivo tennista si faceva fare l'esame da un medico spotivo privato e passava sempre.Poi per risparmiare tempo si e'rivolto a medicina sportiva pubblica a chilometro zero per appuntamento pure in tempo stretto, senza lunga attesa. e...il medico accorto e pignolo dopo ecg sottosforzo lo ha indirizzato ad un esame approfondito cardio piu' specialistico...solo dopo accertamento avrebbe rilasciato nulla osta.Lo sportivo anziche'ringraziarlo per la professionalita' si e'arrabbiato ed e'tornato dal precedente stando zitto sui sospetti di un altro medico.