Seduto al bar in pieno centro, accoltellato da due stranieri: gravissimo

PER APPROFONDIRE: accoltellato, bar, coltello, padova, stranieri
Seduto al bar in centro, accoltellato
da due stranieri: giovane gravissimo

di Gabriele Pipia

PADOVA - Terrore in pieno centro a Padova durante la giornata festiva di Sant'Antonio: un giovane seduto in uno storico locale di via Zabarella - il Bar Centrale - è stato aggredito e accoltellato più volte da due stranieri arrivati insieme sul luogo e poi fuggiti fra la folla inorridita. 
 
 


La vittima - un giovane anche lui extracomunitario, tunisino - è stata colpita anche alla testa, ha perso molto sangue ed è gravissimo in ospedale. I medici si sono riservati la prognosi. 
 


Il fatto è avvenuto poco prima delle 17. Le indagini sono state affidate a Volante e Squadra mobile. Anche gli aggressori sarebbero tunisini.

+++ I particolari sul Gazzettino del 14 giugno +++
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Giugno 2018, 17:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Seduto al bar in pieno centro, accoltellato da due stranieri: gravissimo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 61 commenti presenti
2018-06-16 07:27:10
Ascoltare l’intervista del “sindaco Giordani” È a dir poco allucinante ! In poche parole ...è entusiasta perche i padovani non sono razzisti... E hanno prestato soccorso subito!!!
2018-06-14 16:27:48
Ormai le nostre citta' sono diventate terreno di regolamenteo di conti da parte di persone che i buonisti ci dicono che sono fuggiti dalle guerre. Ma sappiamo bene invece da cosa sono fuggiti: dalle galere dei loro paesi e sono venuti qui per esercitare alla grande.
2018-06-14 15:25:05
Sono le braccia che salveranno le nostre pensioni. Per ora, fanno altro. Per maggiori informazioni, rivolgersi a Don Cipolla ed alla sede del PD.
2018-06-14 13:10:11
... tutto bene. padova li vuole. i padovani li amano. giordani li tutela.. dove sta il problema
2018-06-14 11:46:50
succede sempre alle 17 che si sa che porta sfiga "a la cinco de la tarde" come scrisse il poeta Garcia Lorca (pero'a lui lo fucilarono all'alba i Franchisti)