Torneo di briscola in paese: nessuno viene nè a giocare nè a vedere

PER APPROFONDIRE: borgo piave, briscola, torneo
Torneo di briscola: i vincitori Severino e Luciana

di Alessia Trentin

BELLUNO - «Si lamentano che Borgo Piave è morta, ma poi non partecipano quando si organizza qualcosa». Al Quarto Torneo di Briscola di Borgo Piave gli abitanti della frazione non c'erano. O, meglio, se ne sono presentati 3 o 4. La giornata è filata liscia ugualmente, ma agli organizzatori è rimasto l'amaro in bocca.  L'evento si è tenuto sabato sul ponte vecchio, il pontet. Qui dalle 14.30 coppie di appassionati delle carte si sono sfidate per arrivare alla finale e vincere, in un clima di festa con chioschi, musica e perfino una mostra fotografica con vecchie immagini di Borgo Piave allestita sul posto. A vederla è arrivato anche l'assessore alla cultura, Marco Perale. Dalle iscrizioni e dalle donazioni, poi, sono stati raccolti 800 euro che verranno tutti devoluti alla pediatria del San Martino. Insomma, un pomeriggio in compagnia, sereno e divertente, la dimostrazione che con un po' di buona volontà si possono organizzare manifestazioni per ravvivare la vita frazionale. 

LA BEFFA. Se non fosse che dalla frazione non è arrivato quasi nessuno. Nonostante il tam tam degli organizzatori Daniele De Bon e Matteo Neri che avevano pubblicizzato la giornata con fogli appesi in tutto il centro e con articoli sulla stampa, nonostante la proposta fosse a pochi passi da casa, di residenti se ne sono visti pochi. Tutti i giocatori sono arrivati da altre zone di Belluno, una signora addirittura da Feltre. «L'affluenza di persone è stata discreta, chi di passaggio chi per assistere alle partite, chi per bere qualcosa in compagnia spiega De Bon -. Le coppie partecipanti sono state leggermente meno rispetto alle altre edizioni, erano infatti 13, ma tutto è andato bene. La nota a nostro parere molto negativa è stata l'ennesima dimostrazione di completo disinteresse data dalla gente di Borgo Piave. Salvo 3 o 4 abitanti di passaggio, non è venuto nessuno. Né per giocare né per vedere la mostra né per stare in compagnia. Ci siamo rimasti male: era la quarta edizione e abbiamo di anno in anno cercato di fare sempre meglio, speravamo in un po' di partecipazione. Grazie, invece, a tutti coloro che ci hanno sostenuto e hanno voluto condividere con noi la giornata». 

LA FESTA. Un gruppo di giocatori del Rugby Belluno e una rappresentanza dell'Usd Piave hanno particolarmente apprezzato e si sono fermati al Torneo tutto il pomeriggio, contribuendo al clima festoso, e accanto a De Bon e Neri hanno lavorato diversi altri volontari. Gli organizzatori non demordono, promettono di proseguire con la quinta edizione, ancora più in grande. Arrivando a mettere in piedi una vera e propria sagra, per esempio. In quanto alla sfida a colpi di bastoni e coppe, a vincere è stata la coppia formata da Severino e Luciana, al secondo posto si sono piazzati Arturo e Marco e al terzo Luca e Christian. Per tutti premi offerti dagli sponsor, attività e negozi della città. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 6 Agosto 2018, 11:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torneo di briscola in paese: nessuno viene nè a giocare nè a vedere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-08-11 13:30:37
Gli organizzatori non hanno torto nell’affermazione. Credo purtroppo che il problema principale consista nel fatto che le persone che avrebbero potuto partecipare siano piuttosto anziane e magari, ahimè, qualche acciacco può aver frenato e impedito. I giovani sono sempre meno e molto spesso orientati in altri ritrovi soprattutto durante il periodo estivo. La mostra fotografica e storica denota tuttavia una vincente iniziativa ed i giovani, nel tener duro, dovrebbero sapere cosa fare affinchè la frazione non vada a morire.
2018-08-09 11:46:59
Strano, di solito le persone più anziane, hanno ancora la passione per le carte.
2018-08-06 18:07:32
Bravi....tenete duro o la frazione va a morire