Segue tracce di animali e si perde: salvato nella notte a quota 1700

Segue tracce di animali e si perde: salvato  nella notte a quota 1700

di P.T.

SAPPADA (Belluno) - Rimane bloccato tra i mughi seguendo tracce di animali e finisce in un rio in secca un escursionista di 63 anni di Udine, A.Z., che si è trovato in grave difficoltà al rientro dal Bivacco Damiana sul Cadin di Dentro. L'allarme ieri sera, martedì 8 agosto, intorno alle 20. Si è subito attivato il soccorso alpino di Sappada, allertato dal 118. L'uomo era finito sul lato ovest del Col di Laner, a circa 1.700 metri di quota.

Messo in contatto telefonico coi soccorritori, l'udinese diceva di vedere un ponte e una stalla vicino all'abitato di Sappada. Una squadra di 3 uomini è partita in direzione del bivacco, seguita poco dopo da due militari del Sagf, mentre una seconda squadra composta da 3 soccorritori si è diretta con la jeep per cercare i riferimenti indicati dal 63enne. Il ponte e la stalla erano in realtà un ponticello e un rifugio in costruzione dentro un bosco nella Val di Enghe, ben distanti dal paese.

Non appena hanno acceso i lampeggianti, 600 metri più in alto in linea d'aria, l'uomo ha risposto con il flash di un telefonino. I soccorritori si sono portati alla base del rio in secca e da sotto hanno atteso lo scollinamento della squadra salita al bivacco, per dare indicazioni rispetto alla posizione dell'uomo. Benché si trovasse 200 metri più a est, infatti, il labirinto di mughi e balze di roccia ha ostacolato non poco l'avanzare della squadra. Una volta raggiunto, l'escursionista è stato assicurato e aiutato nella progressione attrezzando alcuni salti e traversi con le corde fino a riprendere il sentiero corretto, dove è stato rifocillato e reidratato. Sceso su una strada forestale, il gruppo è stato recuperato dal fuoristrada e accompagnato alla sede del soccorso alpino, dove una terza squadra era pronta a partire in supporto alle operazioni. L'intervento si è concluso all'una e venti di notte. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Agosto 2017, 10:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Segue tracce di animali e si perde: salvato nella notte a quota 1700
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-08-10 10:49:06
altro che Hansel e Gretel, loro lasciavano le bricioline per ritrovare la strada, ma dico, come si fa???
2017-08-10 07:45:50
Ragionando bene ..di che lamentarsi? Le campagne pubblicitarie di zone di montagna si basano su : escursioni, scalate, ferrate, sci, scialpinismo, ciaspole , ice climbing, slitte, mountain bike..ecc tutte attivita' con i loro rischi connessi .Quindi giustamente devono offrire organizzazioni di soccorso e per fortuna sono ben allenate ed efficienti..Sarebbe peggio se si allenassero tanto e non entrassero mai in vere situazioni. Ricordo che chi vuole con modica spesa di 22 Euro si associa a Dolomiti emergency...scegliendo tra diverse modalita' a suo comodo.Meglio di cosi'!!
2017-08-09 19:22:49
Immagino che era assicurato.
2017-08-09 18:17:18
Sulle tracce di animali. Forse aveva intravisto un dinosauro.
2017-08-09 13:46:38
forse seguiva una volpe...sai ? tra volpi !!