Ruba il brasato alla vicina di casa
condannato ad un anno e otto mesi

Ruba il brasato alla vicina di casa condannato ad un anno e otto mesi

di Olivia Bonetti

BELLUNO -  Ormai lui si serviva in quel congelatore come al supermercato. Un giorno prelevava il coniglio, un altro lo spezzatino. Quando voleva cambiare menù prendeva il brasato. Carne e vino, tutto gratis, ai danni di una 73enne bellunese di via Meassa, sua vicina di casa. Alla fine però è stato incastrato grazie alle telecamere: il ladro di carne era Francesco Pugliese, 56enne originario di Cotronei, provincia di Crotone.

Ieri in Tribunale a Belluno, l’uomo, che vanta precedenti specifici, è stato condannato a 20 mesi di reclusione dal giudice Antonella Coniglio. I fatti contestati sono avvenuti nel periodo tra febbraio e aprile 2013 a Belluno: nel mirino del ladro la casa di via Meassa al civico 60. Secondo quanto ricostruito dalla Procura, Pugliese, introducendosi ripetutamente nel garage di pertinenza dell’abitazione della vicina, avrebbe messo a segno i furti di cibo. Avrebbe aperto la porta della rimessa, forzandola con un’apposita chiave atta ad aprire le varie serrature. Si sarebbe così impossessato prelevandoli dal congelatore diversi pezzi di carne di coniglio, per spezzatino, per brasato e per bordo. Avrebbe inoltre rubato 17 bottiglie di vino, una bottiglia di liquore e una grappa. Insomma aveva svuotato completamente la dispensa della vicina, per un bottino, racimolato nelle diverse incursioni, del valore di svariate centinaia di euro. Quando la dona si è accorta degli ammanchi ha denunciato i furti: è da lì che sono partite le indagini con le telecamere, che hanno immortalato il ladro. È finito alla sbarra per furto aggravato dal fatto di aver utilizzato il mezzo fraudolento, ovvero la “chiave” universale con cui apriva la serratura.

Ieri mattina si è celebrato il processo in Tribunale a Belluno. Il difensore, l’avvocato Giorgio Gasperin, aveva ottenuto il rito abbreviato, che consente di godere dello sconto di un terzo della pena. Ha chiesto l’assoluzione, puntando sul fatto che il ladro di fatto non era riconoscibile: i fotogrammi non erano per nulla chiari. Il pm Sandra Rossi invece, ritenendo provate le accuse, ha chiesto al condanna a un anno e 8 mesi e 200 euro di multa. Richiesta accolta dal giudice che, dopo una breve camera di consiglio, ha pronunciato la sua sentenza, le cui motivazioni si conosceranno tra 30 giorni. L’avvocato Gasperin ha già annunciato appello.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Settembre 2017, 16:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ruba il brasato alla vicina di casa
condannato ad un anno e otto mesi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2017-09-26 17:43:56
Capisco che l'avvocato ha il diritto di guadagnarsi la pagnotta, come tutti, ma voglio sperare che con Appello" intenda quello che si fa al mattino (anche in carcere?) per assicurarsi che tutti siano presenti....
2017-09-25 10:37:16
Scettico cosa vorresti dire con il tuo messaggio??
2017-09-24 09:54:19
È una pena corretta per un furto..rubi qualcosa??due anni di carcere senza se e senza ma. Sei recidivo??moltiplica x il nunero di volte che è stato commesso il fatto!!certezza della pena senza tanti ricorsi. Uccidi qualcuno??ergastolo senza sconti di pena.. è così difficile?? Uno ci pensa due volte poi prima di fare qualcosa di sbagliato..
2017-09-24 18:54:26
Ma ti dimentichi di essere in itaglia?
2017-09-24 09:07:41
La Giudice Antonella Coniglio, ne deve aver fatto un caso personale!