Strani dolori: Leo scopre la malattia. L'autista Dolomitibus stroncato a 30 anni

PER APPROFONDIRE: autista, dolomitibus, leo de favero, morto
Leo Del Favero
DOMEGGE - Una giovane vita stroncata da un male incurabile nonostante i tentativi dei sanitari. È mancato ieri sera Leo Del Favero, 30 anni appena, autista della Dolomitibus, di Domegge di Cadore. La notizia ha gelato i cuori dei tanti che lo conoscevano per la sua professione sempre a contatto con la gente, dei tanti amici e colleghi di lavoro, dei compaesani. Un colpo al cuore per una famiglia già segnata da lutti e sofferenze. La notizia dell'improvvisa, prematura morte ha viaggiato sui social suscitando profondo cordoglio e vicinanza ai suoi cari. 



Leo da qualche tempo non era al lavoro, le sue corse alla guida lo vedevano fra Cadore, Valboite e Cortina; in precedenza per lamentava da qualche tempo dolori che lo avevano indotto a quegli accertamenti che hanno individuato l'origine della sofferenza. Vani i tentativi di intervenire anche chirurgicamente, per Leo non c'è stato nulla da fare nonostante fosse giovane e forte, quello che si dice un pezzo d'uomo. I viaggiatori lo ricordano come l'autista buono e gentile, sempre disponibile...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 11 Gennaio 2018, 11:52






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strani dolori: Leo scopre la malattia. L'autista Dolomitibus stroncato a 30 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-01-12 22:40:21
Un fraterno abbraccio alla famiglia.
2018-01-12 00:06:55
Lupin, per favore già c’e Google che provoca disastri...
2018-01-11 20:51:57
R.I.P. Sentite condoglianze alla famiglia
2018-01-11 16:40:38
Ancora una volta un giovane!! è dura affidarsi e credere nella fede!!! Come si può.... dire o pensare se non provare forte rabbia e forse repulsione . Il solo R IP non colma. Un fraterno abbraccio anche se non ti conoscevo
2018-01-11 15:45:14
@LupinTerzo: Per due motivi. Il primo è che la legge e la deontologia proibiscono di divulgare particolari su salute e malattie, a meno che non sia assolutamente necessario per la comprensione della vicenda. In questo caso che uno sfortunato giovane sia morto di una malattia A oppure B non cambia nulla. Il secondo motivo è che dare dettagli medici potrebbe indurre qualcuno a fare autodiagnosi o altri pasticci. Valutazione di sintomi, diagnosi e cure sono di competenza ESCLUSIVA dei medici.