Imprenditore perde tutto per la crisi, l'appello degli amici: «Aiutatelo»

PER APPROFONDIRE: appello, crisi, fallimento, imprenditore
Imprenditore perde tutto per la crisi,  l'appello degli amici: «Aiutatelo»

di Olivia Bonetti

FONZASO  - «Chiedo di non rimanere nell'indifferenza: qualcuno mostri un minimo di pietà o carità cristiana». L'appello arriva in una lettera inviata da Fabiana Pauletti, amica di un ex imprenditore finito in disgrazia dopo la crisi economica, a cui si è aggiunta la malattia. L'uomo, 62 anni di Fonzaso, oggi sarà sfrattato dalla sua ex-abitazione: l'appartamento al piano terra di via Lucco al civico 21 a Fonzaso. A avviare la procedura l'ex cognato, che abita sopra di lui e ha acquistato l'immobile andato all'asta. Una situazione delicata e complicata: sono tante le porte, anche di famigliari, che si sono chiuse di fronte al 62enne. «Non è un delinquente e nemmeno un violento - dice l'amica Fabiana - certo nella vita si commette anche qualche errore, chi non ha sbagliato, ma nulla ha fatto di grave da meritare quello che gli sta succedendo. Qui si rischia l'irreparabile, poi non stupiamoci di persone che muoiono nell'indifferenza». 


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Gennaio 2018, 11:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Imprenditore perde tutto per la crisi, l'appello degli amici: «Aiutatelo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-01-10 18:26:38
si parla di un ex imprenditore... in una ex abitazione... che ha un ex cognato... è un "ex" su tutti i fronti... probabilmente pieno anche di ex amici, visto che necessita di aiuto attraverso una lettera a un giornale per chiedere aiuto a chi non lo conosce. chi ha avuto l'idea di scrivere 'sta lettera se ci tiene tanto cominci a prendersi cura della persona e piano piano se veramente è una brava persona ci sarà chi si aggrega. non sono insensibile ma leggere la lettera mi ha dato un senso di fastidio... da' l'impressione che Fabiana (la persona che ha scritto la lettera) sia lui stesso.
2018-01-10 17:08:39
ovviamente possiamo commentare sulla base solo di quanto riportato in articolo, quindi nn sappiamo che errori possa aver fatto...certo che se un cognato lo lascia in strada qualche domanda in più è da farsi...
2018-01-10 13:55:54
purtroppo in italia gli imprenditori, se restano senza lavoro, sono senza soldi da un giorno all'altro, non c'è indennità di disoccupazione, e magari ti restano pure tasse da pagare o debiti con le banche... è dura. lo capisco, spero di cuore per lui che trovi una soluzione.
2018-01-10 16:23:01
Dovrebbero creare un fondo che in questi casi li tuteli.
2018-01-10 17:29:33
Amico mio, se lo creano da soli il fondo. Se vuoi ti faccio un lungo elenco di imprenditori falliti, con villa e macchinone ancora oggi. Di solito. prima di "saltare" si "coprono"- Chissa quanti fornitori, dipendenti e banche ci hanno rimesso invece. Ed evitate di dire che per le banche non vi dispiace, perche come e stato dimostrato, poi paghiamo sempre e dico sempre, noi e solo noi.