Gli agricoltori chiedono aiuto: «Siamo invasi dalle cornacchie»

PER APPROFONDIRE: agricoltori, cornacchie, danni, invasione, razzia
Due cornacchie in cima a un tetto
BELLUNO - Gli agricoltori bellunesi chiedono aiuto: «Siamo invasi dalle cornacchie e non sappiamo cosa fare». Da qualche anno i volatili sono in forte aumento e fanno letteralmente razzia di sementi e di pannocchie. Con danni, di conseguenza, notevoli: i raccolti subiscono perdite non indifferenti. La Coldiretti non sa come difendersi: «Se volessimo intervenire noi corriamo il rischio di essere denunciati»...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Marzo 2018, 07:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gli agricoltori chiedono aiuto: «Siamo invasi dalle cornacchie»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-03-16 13:01:55
.. da ex buon rapace chiederei umilmente di essere informato dai tanti che lo sembrano sul quale siano i suoi predatori ( definiti come leggo nemici naturali ) passati, presenti e futuri che essendo venuti a mancare ne hanno causato l'esplosione demografica.. dopo vi racconterò la mia versione dei fatti.. comunque sia il mio ex " nomignolo " di nibbio reale mi è stato precluso ( chiuso l'accesso ) se qualcuno sa come mai o sia possibile riprenderlo si faccia vivo in quanto ne ero affezionato.. grazie..
2018-03-16 06:16:55
Come suggerisce l’articolo il problema non sono gli animali ma le leggi idiote che impediscono di intervenire. Sui colli euganei siamo strapieni di cinghiali ma l’ente parco ne impedisce il controllo. Purtroppo sig.ri ambientalisti quando si vuole giocare a fare dio nascono i casini più grandi, la natura incontaminata si autoregola bello o brutto ci sono predatori e prede e inevitabilmente se crescono le prede crescono i predatori mentre se calano i predatori muoino. Gli animali che proteggette, in parte giustamente, non hanno nemici naturali e quelli che sono stati reintrodotti non fanno quello che pareba voi ma cercano, ovviamente, la preda più facile.
2018-03-15 18:47:16
... non esistono animali buoni o cattivi ma tutti sono funzionali al progetto del creatore ( sistema ecologico in evoluzione ) è il troppo sapiens che gli scrimina per i suoi intyeressi imcrininandosi esso stesso al tribunale dell'universo fonte e garante della vita.. l'unico essere davvero dannoso che distrugge la sua casa è il solito troppo sapiens non sapendo che in tal modo facendo distrugge pure l'altrui casa e si precluse la sua stessa sopravvivenza..
2018-03-15 09:48:08
Le cornacchie sono dannose, devastano i nidi degli altri uccelli e distruggono i raccolti. Su questo siamo tutti d'accordo. Quando sono troppe, rompono gli equilibri. Non hanno più nemici naturali (per colpa nostra) e ormai sono un flagello. Ma certamente a chi vive in appartamento in città e fa gli acquisti di frutta e verdura in supermercato che gli frega dei danni che fanno le cornacchie e perchè no anche le nutrie. Finchè non tocca lui e le sue tasche, non ci sono problemi. Ma siamo tutti sulla stessa barca e ci vuole equilibrio sulla barca. Sempre ed in ogni direzione.
2018-03-15 17:09:41
si. Ma noi ripopoliamo il lupo e proteggiamo l'orso per non prenderci indietro. E abbiamo tutti contro nel controllo di cinghiali e nutrie che con l'elevata antropizzazione del territorio non c'entrano proprio niente e anche questi fanno solo danni. Adesso toccherà proteggere anche le cornacchie. L'unico vantaggio (?!?) è che bloccano almeno il proliferare delle tortore e i passeri sono già scomparsi. Mah peszo el tacòn del sbrego