Il coleottero killer che si sta "mangiando" tutti i boschi dell'Agordino

PER APPROFONDIRE: belluno, boschi, coleottero killer
Il coleottero killer che si sta "mangiando" tutti i boschi dell'Agordino: è inarrestabile

di ​Dario Fontanive

AGORDO - Dagli ultimi rilevamenti e prelevamenti dalle trappole disseminate in valle di Gares, sembra che il coleottero del bostrico stia dilagando a macchia d'olio. La situazione quindi è più allarmante di quanto ipotizzato a metà luglio, quando divenne di dominio pubblico. Lo conferma John Francis Della Pietra, guardia comunale e boschiva del Comune di Canale, che con cadenza settimanale tiene costantemente monitorata l'espansione del coleottero killer: se il bostrico è diffuso in molti boschi della provincia, qui in valle di Gares sembra aver trovato l'habitat adeguato per potersi estendere maggiormente intaccando gruppi di abeti le cui condizioni ora si notano a occhio nudo tra le distese boschive della valle.

Della Pietra ieri ha mostrato il bottino di bostrico tolto da una trappola. Due barattoli interi di coleotteri, catturati in una sola area circoscritta, rappresentano una quantità importante, spiega la guardia boschiva. «Ormai il bostrico sta dilagando un po' ovunque in valle. Non basta più il taglio sistematico degli alberi secchi da parte degli uomini dei Servizi forestali della Regione: il Comune ha deciso di aggiungere quello dei privati, attraverso la consegna della porzione di legna che spetta a ogni famiglia residente»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 11 Agosto 2017, 13:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il coleottero killer che si sta "mangiando" tutti i boschi dell'Agordino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-08-13 10:27:00
qualcuno mi spiega cosa significa esattamente "coleottero del bostrico"?
2017-08-16 18:15:45
basta che digiti sul motore "coleottero Killer" ... è quello col cappello e la pistola, antenne lunghe, baffiii .. sguardo cattivo
2017-08-12 20:33:29
... ben venga. tutti boschi artificiali e monospecifici ovvero l'incontrario del caos naturale.. dopo il suo passaggio. la rinascita vocazionale..
2017-08-11 22:20:32
Io sono dell'idea che la natura ha la sua logica...nelle nostre valli c'è troppo bosco, se si guardano foto di 20/30 anni fa ci si rende conto che stiamo soffocando in mezzo all' umidità del bosco. Visto che l'uomo non si prende più cura dei prati e le nostre amministrazioni non provvedono a tagliare tutte quelle piante che crescono lungo le linee elettriche e a ridosso delle strade, con problematiche poi riscontrabili anche negli ultimi giorni con black out e con piante cadute in strade,a questo punto quindi ci pensa il bostrico...Spero ci pensino i nostri sindaci e che finalmente prendano provvedimenti per ripulire e incentivare i privati cittadini che lo vogliono fare,per portare le nostre valli agli antichi splendori.
2017-08-11 15:02:44
E la processionaria?...