Il ritorno del cimurro tra i boschi bellunesi. Colpiti tanti esemplari di volpi e furetti

PER APPROFONDIRE: belluno, boschi, cimurro, malattia
Esemplare di volpe ucciso dal cimurro
Il cimurro è tornato. La malattia è ormai endemica sul territorio bellunese, da settimane si rincorrono casi in tutta la provincia, con cadaveri di volpi e furetti trovati nei boschi. A lanciare l’allarme è l’Associazione Apaca, su notizie fornite direttamente dall’Istituto zooprofilattico. Animali morti sono stati trovati un po’ su tutto il territorio, dall’Agordino al Cadore, al Longaronese, Belluno e Feltrino. Il che crea una certezza ai veterinari: non sono focolai, la temibile malattia è tornata con prepotenza ed è endemica. «Dopo i casi di rabbia di anni fa l’Istituto ha mantenuto alta la vigilanza sul territorio – spiegano da Apaca -, così ogni qualvolta viene segnalata una carcassa si procede con le analisi per capire le cause del decesso e scongiurare il rischio rabbia». Rabbia non è, ma le verifiche hanno fatto emergere il cimurro. Una malattia infettiva ciclica causata da un virus, il morbillivirus, il più delle volte letale. 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 16 Maggio 2018, 08:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il ritorno del cimurro tra i boschi bellunesi. Colpiti tanti esemplari di volpi e furetti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-05-16 21:40:20
.. selezione naturale.. un po come la peste nera per gli uomini. i sopravvissuti saranno più forti l'eterno ciclo della riproduzione ricomincerà.. questo accade o quando il virus viene immesso " spintaneamente " e criminalmente per decimare intere popolazioni o quando il loro numero risulta eccessivo nei confronti dell'ambiente ospitante..
2018-05-16 13:47:28
Concordo con Montano.
2018-05-16 11:45:51
Il furetto è un animale domestico, ed ogni soggetto dovrebbe avere un proprietario che ne sia responsabile per il suo benessere. Forse l'Apaca, ennesima associazione animalista intendeva indicare i diversi mustelidi selvatici che abbiamo in provincia: donnole, faine, martore e (forse) puzzole. Altro esempio di come queste persone, animate da buoni propositi, spesso non abbiano come sostegno una preparazione all'altezza della loro capacità di apparire.
2018-05-16 14:07:09
sei sicuro che Apaca parli di furetto ? hai verificato ? magari e' una licenza poetica dell'autore del pezzo ( se scrivevo errore o leggerezza magari qualcuno se la prendeva e non passava il commento)