Claretta, la cerva affamata e curiosa adottata da un intero paese

PER APPROFONDIRE: cerva, claretta, comelico
Claretta, la cerva affamata  adottata da un intero paese
COMELICO - (GB) Nel villaggio l'hanno adottata da anni, ma da qualche tempo Claretta è diventata amica anche dei turisti. Claretta è una cerva di otto anni che da almeno quattro trascorre l'inverno al riparo, accudita e sfamata dalla gente di Sega Digon frazione di Comelico Superiore. Tutto ebbe inizio nell'inverno delle grandi nevicate, la cerva sfinita ed affamata si avvicinò alle abitazioni dove trovò cibo e riparo. Inverno dopo inverno ha continuato a frequentare la zona, si è talmente ben inserita che non disdegna, quando le condizioni sono particolarmente avverse, di passare le notti al riparo del capannone di una impresa. Tanto si è abituata all'uomo che si lascia tranquillamente avvicinare, si lascia accarezzare e prende il cibo dalle mani di chi glielo offre.



Una presenza diventata piacevole consuetudine per la gente del posto e per i tanti turisti in viaggio verso le piste dal sci della zona. E così ecco la sosta per le foto di rito, anche molti stranieri si fermano ad accarezzare la cerva. Non è il primo caso di selvatici che si lasciano avvicinare dall'uomo, ma questo di Sega Digon è da record per la durata. Il nome arriva da quello della signora che per prima la sfamò e che continua a farlo, la signora Clara. È talmente curiosa che si avvicina senza alcun timore cercando le mani di chiunque alla ricerca di cibo. Quando la stagione volge al bello torna nel bosco dove trascorre i mesi che la separano dall'inverno quando tornerà a Sega Digon.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Gennaio 2018, 12:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Claretta, la cerva affamata e curiosa adottata da un intero paese
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-03 22:02:19
Tanto per la cronaca: - tempo fa una ventina di cicogne nella campagna fra Vicenza e Padova, due trovate uccise a fucilate ed un paio ferite dai cani. - In un paese vicino al mio, arrivata una coppia di cicogne che poi stava nidificando, una uccisa a fucilate e l'altra scomparsa - Sul fiume Brenta sopra Bassano, c'era da tempo una coppia di cigni, uno ammazzato a bastonate, l'altro scomparso. Nei campi intorno al mio paese, avvistati alcuni caprioli, poi spariti. - Volete che continui...?
2018-01-03 10:59:24
Il manto nevoso, le abitazioni e l’essere femmina, sono di significato particolare per la caccia. Sia pure sincere, le carezze e le modalità riservate ad un animale selvatico non sono però molto positive. Simpatico il nome per un animale fedele alle persone ed ai luoghi. Se quella «santa» donna che per prima se ne prese fedelmente cura fosse stato per esempio Rachele, probabilmente l’avrebbero chiamata così...chissà. Claretta tuttavia è sicuramente un bel nome ed un bel esemplare di femmina senza l’impiccio delle maestose corna.
2018-01-02 22:01:30
Adesso i cacciatori sanno dove andare.
2018-01-02 18:13:15
Scommetto che un brutto giorno non la vedranno più, diventata cotolette e bistecche di un farabutto con la doppietta. Non sarebbe il primo caso.
2018-01-03 12:13:16
E già, l'animale comincia a fidarsi dell'uomo, e poi.....