Cacciatori distratti finiscono nei guai
Multati e sospesi: licenza sospesa

PER APPROFONDIRE: belluno, cacciatori, multati
Cacciatori distratti finiscono nei guai: multati e licenza sospesa

di Damiano Tormen

BELLUNO  -  Cacciatori indisciplinati: licenza sospesa e multa salata. Sono due le persone finite nei guai nelle scorse settimane, dopo le verifiche della polizia provinciale: si tratta di un uomo di Vallada Agordina e di un altro di Ponte nelle Alpi. Entrambi hanno messo un atto comportamenti non sicuri, violando quanto previsto dalla legge sulla caccia Norme per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio. Uno era a caccia vicino alla strada comunale in località Cave Losego, l'altro ha lasciato il fucile carico e visibile in auto a Staulel. Così il personale della polizia amministrativa (Pasi) della questura di Belluno ha sospeso per 3 mesi entrambe le licenze: la punizione scatta, ovviamente da quando apre la stagione di caccia.

«Diamo questo segnale per invitare a stare attenti - spiega il dirigente della polizia amministrativa, Roberto Santucci - perché è un attimo che succeda qualcosa quando si assumono comportamenti non sicuri. Abbiamo comunque applicato il minimo, che è tre mesi, visto che la sospensione può arrivare fino a sei mesi, a seconda della norma violata e della pericolosità del comportamento. Quando si gira con un fucile bisogna farlo in massima sicurezza». 

Le norme sulla caccia prevedono tutta una serie di restrizioni e molto spesso, nella stagione di caccia, è battaglia tra residenti e cacciatori e accade che qualcuno segnali esplosioni troppo vicino alle case. Ma la legge pone divieti per tutti i luoghi ove potrebbe esserci pericolosità potenziale per altre persone, quindi anche le strade. Nel caso sanzionato dalla provinciale il pontalpino era veramente vicino alla via, a meno di 50 metri. Non ha sparato, ma «percorreva la via con la propria auto e con a bordo il fucile in pronta disponibilità». È stato multato e ora ha perso la licenza per 3 mesi.

È costata cara invece la sbadataggine al cacciatore agordino che era alla guida dell'auto quando è stato fermato dalla provinciale in località Staulel. Aveva appoggiato il fucile senza custodia e carico sul lato passeggero.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Gennaio 2018, 12:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cacciatori distratti finiscono nei guai
Multati e sospesi: licenza sospesa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-01-28 17:20:34
far pagar di più quelle licenze,hobby uccidere allora paghi,è un patrimonio di tutti 5000-6000 mila euro annui,allora vedi come inseriscono le sicure sui fucili inutili
2018-01-25 16:16:40
Difficile trovarne uno apposto. Chiudere la caccia e non se ne parla più.
2018-01-25 07:41:52
I rambetti padano montanari veneti sfigati. Forti con i deboli e deboli con i forti. Ridicoli. Ciao enrico..ciao.
2018-01-24 23:50:56
Aboliamo la caccia e semplicemente uno sport da malati mentali .
2018-01-24 18:33:29
.... ne uccide più la civiltà che la spada..