Gigantesco incendio, in fiamme il bosco di San Lucano, oscurato il cielo /Foto /Video

PER APPROFONDIRE: agordo, bosco, incendio, luxottica, san lucano
Gigantesco incendio sulle "Pale"
ragazzi bloccati in quota dalle fiamme
Nuvole nere fino a Belluno, a Taibon
chiusi in casa, blackout in valle
AGORDO - Allarme e paura per un gigantesco incendio scoppiato verso le 16 nell'Agordino, in fiamme interi ettari di  boschi e un versante della montagna. Oscurato il cielo per ore: la Luxottica ha fermato la produzione in azienda

Pale di San Lucano a fuoco (GUARDA IL VIDEO).

Due ragazzi sono bloccati dalle fiamme dell'enorme incendio: si trovano a circa 1.650 metri di quota nel Canale della Besausega. In contatto telefonico con i soccorritori, sono stati guidati in una zona rocciosa lontana dalle fiamme. Al momento il Soccorso alpino di Agordo e i Vigili del fuoco, data l'impossibilità per i mezzi aerei di intervenire, stanno valutando le possibilità di avvicinamento a piedi. Ma resteranno lì fino a domani.

Le montagne tra i comuni agordini di Taibon e Cencenighe sono state aggredite da un furioso incendio che sta provocando una fitta coltre di fumo che, lungo la valle del Cordevole, ha già raggiunto anche Belluno. Un rogo di grosse dimensioni che in queste ore è alimentato dal fohn che arriva dal Nord. Vento forte e caldo che sta provocando cadute d'alberi e distacchi di cornicioni in tutta la provincia di Belluno. Le piante strappate dal fohn hanno anche provocato una serie di black out tanto che negli stabilimenti agordini di Luxottica è stata fermata prudenzialmente per qualche minuto la produzione di occhiali.

Si sono registrati diversi blackout nella Vallata. In serata il fumo ha raggiunto anche il Vittoriese.

 


Il sindaco di Taibon invita la popolazione a rimanere in casa con le finestre chiuse per evitare di respirare i fumi dell'incendio. Ci si prepara a evacuare due piccoli centri abitati minacciati dal fronte dell'incendio: La Merla e Villanova.

“Sul posto – comunica  l’assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin – sono presenti e operativi a terra i nostri servizi forestali e la protezione civile. E’ stata inoltre richiesta per domani l’attivazione di due aerei antincendio Canadair del Dipartimento nazionale della protezione civile. La situazione è costantemente monitorata”.

Due Canadair del Dipartimento della Protezione civile nazionale saranno operativi da domani - giovedì - nell'Agordino, per lo spegnimento completo dell'incendio sviluppatosi nella Valle di San Lucano. Lo riferiscono fonti dei Vigili del Fuoco. Sul posto sono intervenuti dal pomeriggio 40 unità dei Vigili del fuoco, tra volontari e permanenti.

Un altro furioso incendio ha distrutto una casa a Pedavena, nel Feltrino: GUARDA IL VIDEO 


+++ Tutti i particolari sul Gazzettino del 25 ottobre +++
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Ottobre 2018, 16:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gigantesco incendio, in fiamme il bosco di San Lucano, oscurato il cielo /Foto /Video
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-10-25 08:06:29
Domani verranno richiesti i Canadair...sempre domani!!!!e nel frattempo??? Visto che quest'anno non sono stati impegnati erano in ferie i piloti... Ma quando si innesca un incendio non si dovrebbero allertare subito..??? Domani. Domani domani..l assessore non cet, il presidente, è assente, ma per piacere.....
2018-10-25 08:05:02
Domani verranno richiesti i Canadair...sempre domani!!!!e nel frattempo??? Visto che quest'anno non sono stati impegnati erano in ferie i piloti... Ma quando si innesca un incendio non si dovrebbero allertare subito..??? Domani. Domani domani..l assessore non cet, il presidente, è assente, ma per piacere.....
2018-10-25 07:04:37
Speriamo che il vento cessi e i mezzi aerei possano intervenire. Le linee elettriche vanno pulite così come i greti dei torrenti ecc ecc....quando succedono i guai poi è tardi.
2018-10-25 06:26:44
Un incubo..da film del genere catastofista.Mettiamoci pure un'alluvione del Torrente Tegnas e qualche crollo di parete a Col di Pra.Gia'accaduti in passato.Auguri ai due intrepidi escirsionisti e speriamo che non inalino troppi fumi e se la svignino.
2018-10-24 22:03:26
Elo tant che nol piof? elo massa caldo? Ma noo... se sta tant ben cosi'..... magari duresselo ancora..! MA PER I PRIM DE DICEMBRE L'A DA FIOCCA'...!! (per la stagione invernale e quindi per i schei n.d.r.). MORALE: Che meschini che siamo noi umani!!!