La sinistra italiana è ossessionata da Salvini ma il vero problema del Pd è il Pd stesso

PER APPROFONDIRE: pd, sinistra
Caro direttore,
dal 4 marzo 2018 tra gli elettori del Pd è un corso un dibattito animato che è diventato uno scontro. Si tratta del rifiuto del Pd di poter governare assieme al partito dei 5 Stelle. La parte di elettori che non avrebbe voluto governare con i Pentastellati sostiene che i programmi di governo dei due partiti erano troppo diversi e non c'era margine per un compromesso. La parte che invece avrebbe voluto governare insieme sostiene che si doveva a tutti i costi trovare un accordo. Il rifiuto del Pd ha costretto i 5 Stelle a rivolgersi alla Lega. Oggi Salvini la fa da padrone perchè ha saputo trovare il punto debole di tanti italiani: la paura di essere invasi dagli stranieri clandestini. Salvini oggi viene visto da molti come una sorta di salvatore coraggioso e capace. Questo mi ricorda una recente lettura sul periodo che seguì la fine della prima guerra mondiale (1918). In quel periodo i socialisti erano divisi in massimalisti e riformisti. I riformisti capeggiati da Turati volevano unirsi ai conservatori di Giolitti per opporsi e sconfiggere il fascismo. E ci sarebbero riusciti se i socialisti massimalisti, che nel partito erano la maggioranza, non si fossero opposti. Così decretarono la fine della democrazia e Mussolini ci regalò una dittatura e la seconda guerra mondiale. Se Salvini dovesse ignorare la crescita del debito pubblico e dovesse uscire dall'euro e dall'Europa potrebbe essere una catastrofe per il nostro Paese. 


F.V.Treviso

Caro lettore,
i parallelismi storici talvolta aiutano sono utili, ma inducono spesso in errore. Personalmente faccio fatica a vedere similitudini tra l'attuale stagione politica e quella del cosiddetto biennio rosso. Ho però pochi dubbi su una cosa: con tutti i suoi difetti, Salvini, per nostra fortuna, non è un nuovo Mussolini e di Turati, per nostra sfortuna, non se ne vedono all'orizzonte. Il problema della sinistra italiana e del Pd in particolare, non è il leader leghista, ma la sinistra stessa. La comparsa sulla scena politica di Salvini ha accelerato un processo di crisi che era già nelle cose. La sinistra non sa più parlare alla gente, non ha capito ciò che stava e sta accadendo nel Paese e nel mondo, ha creduto che puntando sulla produzione di ricchezza e non più solo sulla sua redistribuzione avrebbe conquistato i ceti moderati e produttivi. Ha largamente fallito questo obiettivo e, nel contempo, ha perso per strada il consenso di vasti ceti popolari. L'ossessione per Salvini, l'evocare nuovi fascismi, non aiuterà il Pd a ritrovare se stesso. Anzi, rischia di essere un alibi e di allontanare l'obiettivo di una discussione franca e produttiva sul futuro della sinistra in Italia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 20 Settembre 2018, 15:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La sinistra italiana è ossessionata da Salvini ma il vero problema del Pd è il Pd stesso
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-09-21 21:51:04
Razdegat, un omuncolo da vivo rimane tale anche da morto. Rispetto per certi criminali non me ne avanza. Infine di Monti e di Prodi non me ne potrebbe fregare di meno.
2018-09-21 21:37:42
Ragazzi, esultate pure per il consenso a Salvini. Tutto finisce. Ricordate Forza Italia? Berlusconi pareva un caterpillar. Guardatelo ora.
2018-09-21 13:08:35
Una cosa è certa, a fronte di circa il 20% di consenso popolare di tutta la sinistra, PD, LEU ecc...l'informazione all'80% e forse più è ancora in mano al PD e co....e nonostante questo la gente non vota questa sinistra che ha perso dappertutto, eccetto nei quartieri in e radical chic, di qualche città. Ma basta guardare un tg, un programma di approfondimento, i vari "di martedì", W l'italia, porta a porta, 8 e 1/2, piazza pulita ecc...per rendersi conto di quanto dissociati sono. Sembrano di vivere in un altro mondo..... E come sempre, si invita un leghista e 5 simpatizzanti PD.... Ridicoli
2018-09-21 12:02:27
Signor F.V., si è mai chiesto perchè il pd non ha saputo trovare il "punto debole" degli italiani ? Se Lei e milioni come Lei ancora vi domandate del perchè avete perso le elezioni, sta forse riassunto nelle sue frasi: "l'anello debole degli italiani" "Salvini" "la paura di essere invasi". Mi permetta, non credo ci sia alcun dittatore in vista, "l'anello debole" come Lei con tono velatamente denigratorio lo chiama non sono altro che le legittime e giuste richieste degli elettori ai partiti, si, anche al suo rimaste inascoltate; in quanto alle paure degli italiani, se ancora Lei e altri come Lei non le avete comprese, o siete fuori dalla realtà civile dell'Italia o forse probabilmente alle prossime elezioni raccoglierete gli stessi medesimi frutti di questa ormai passata stagione elettorale. I miei distinti saluti.
2018-09-21 10:19:50
"Questo e' il dramma del nostro tempo: i competenti non capiscono i problemi della gente comune, mentre gli incompetenti li capiscono, ma non hanno idea di come risolverli" (Massimo Gramellini). NOVANTADUE MINUTI DI APPLAUSI!