Italiani preoccupati per l'economia? Sì, ma preferiscono votare i partiti di governo piuttosto che l'opposizione

Egregio direttore, 
moltissimi italiani sono pessimisti riguardo il futuro prossimo dell'economia del Paese. I due leader, Di Maio e Salvini, sembra che ignorino le leggi elementari dell'economia. Se l'Italia non avesse un debito di 2300 miliardi di euro ( il quale costa ogni anno 70/80 miliardi di interessi), forse si potrebbe realizzare tutti i sogni seminati nella campagna elettorale da 5Stelle-Lega. Purtroppo, come si è visto, non ci sono le coperture necessarie. E alzare ancora di diverse centinaia di miliardi il debito ci porterebbe fuori dall'Europa e dall'euro. I due partiti al governo hanno alcune cose in comune, ma su altre sono in conflitto. E queste seconde pesano di più. Di Maio guida il partito numericamente più forte in Parlamento. Quindi dovrebbe capire che se porta il Paese nel caos economico, il prezzo più alto lo pagherà il suo partito oltre a tutti gli italiani. E oggi il rischio è grande. L'unica speranza per il Paese è che il Movimento 5 Stelle rompa con la Lega. In questo caso il Presidente della Repubblica cercherebbe, prima di indire nuove elezioni, di creare un nuovo governo con altri partiti escludendo la Lega. E questa volta il Pd non perderà l'occasione di accordarsi con i 5 Stelle. Oggi Di Maio e il suo partito hanno questa responsabilità. 

Franco Vicentini 
Treviso

Caro lettore, 
è sicuramente vero, come lei afferma, che molti italiani sono preoccupati per il futuro della nostra economia. Ma è singolare che questi timori e queste paure sembrino non avere effetti elettorali. Lo dicono i sondaggi, ma soprattutto, lo dicono anche le urne. Nello scorso fine settimane si è votato in Trentino Alto Adige e in entrambe le province, quella di Bolzano e quella di Trento, la Lega, cioè uno dei partiti che guidano il governo, è risultato il partito maggiormente in crescita. È diventato il primo nella città di Bolzano ed è stato determinante nella vittoria del candidato di centrodestra per la provincia di Trento, in precedenza guidata dal centrosinistra. I partiti che sono all'opposizione al governo, Fi e Pd, hanno visto invece i loro consensi crollare ovunque. Come si spiega tutto questo? Che, nonostante la preoccupazioni ricordate, resta elevata la fiducia nei confronti dei partiti oggi al governo e in particolare nei confronti della Lega. Una possibile e diversa spiegazione è che la sfiducia degli elettori nei confronti dell'opposizione è talmente elevata e consolidata, che, nonostante tutto, l'elettorato preferisce votare i partiti di governo o almeno rafforzare uno di essi. In entrambi i casi mi sembra che l'ipotesi di un governo M5s-Pd poggi in questo momento su gambe assai fragili. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 23 Ottobre 2018, 14:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Italiani preoccupati per l'economia? Sì, ma preferiscono votare i partiti di governo piuttosto che l'opposizione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-10-24 13:11:31
Una cosa è sicura e inamovibile , che chiunque vada al governo deve mettersi in testa che le regole del mondo globalizzato, a partire dal fondo monetario internazionale, alla presenza ormai consolidata di paesi come Cina, Russia, India, nella scena dei mercati e scambi internazionali, dell'Europa così come è con la sua banca centrale (euro), e non ne vedo una di un altro tipo in questo scenario mondiale, dicevo chiunque sia al governo deve partire da questo presupposto, deve rispettare le regole e i trattati firmati dal nostro paese, altrimenti può scegliere liberamente di uscire e diventare una Cuba mediterranea, non ci sono vie di mezzo o terze vie, per questo quando sento parlare di establishment mi chiedo sempre ma con che cosa i nostri eroi vorrebbero sostituirlo e per andare dove? In Italia abbiamo sostituito l'establishment politico , daremo loro ancora tempo, ma poi anche loro e lo hanno dimostrato in Rai, un bel giro di poltrone, senza cambiare una virgola. Il PD , pur rimanendo dentro questo sistema, è alternativo a quelli che chiudono i porti, che vogliono smantellare l'euro, che in qualche modo si riconoscono nello slogan xenofobo prima gli Italiani , e mi pare che se di maio e in genere i grillini non prendono le distanze nette da queste scelte, nessun accordo o contratto potrà esserci con quelli come me che sono di centrosinistra.
2018-10-24 12:21:42
Preoccupa di piu' che vecchio establishment europeo timotoso di perdere careghette e potere e nuovi arrembanti, si facciano campagna elettorale parecchio tempo prima, sulle spalle di migranti, poveri lasciati a margini speranzosi in aiuti di Stato, risparmiatori,desiderosi di andare finalmente in pensione, nuove generazioni...in attesa o che lavorano parecchio spremute.
2018-10-24 10:51:26
Chissa' perche' i 5 miliardi all'anno da dare alle coop per l'assistenza degli immigrati li hanno sempre trovati, ma per i disoccupati italiani non si possono mai trovare. Noi viviamo al di sopra delle nostre possibilita' quando si tratta di aiutare gli italiani, ma per le missioni all'estero e per finanziare le coop i soldi saltano sempre fuori anche a costo di creare nuovo debito
2018-10-24 10:15:05
Quando i danni di questo governo toccheranno anche le tasche dei più creduloni, forse e sottolineo forse qualcosa cambierà.
2018-10-24 11:20:58
Il debito pubblico in costante aumento, i 5 000 000 di poveri in Italia, la disoccupazione giovanile più alta d'Europa, una immigrazione incontrollata, migliaia di partite iva chiuse, la tassazione più alta d'europa, e Lei mi parla dei danni di Questo governo ? E lei mi parla di creduloni ? Guardi che gli specchi sono in libera vendita.