Grasso è perbene, ma se fa il leader di partito non può continuare a guidare il Senato

PER APPROFONDIRE: di partito, guida, leader, pietro grasso, senato

Caro Direttore,
ho ascoltato Pietro Grasso sciorinare il discorso mieloso, celebrativo, buonista, moralistico, d'inaugurazione al suo ingresso in politica. È stato come ascoltare, 50 anni fa, la poesia di Natale recitata da un figlio bambino al tavolo dei convitati plaudenti. A Lei che effetto ha fatto? Mi piacerebbe saperlo.

Flora Dura
Treviso 


Cara lettrice,
non mi aspettavo nulla di diverso. Pietro Grasso è una persona perbene ed è stato un valente magistrato. Sul piano politico non mi sembra abbia il carisma e lo scaltro cinismo necessari per giocare, all'interno, ad armi almeno pari con un D'Alema e, all'esterno, per contrastare un Matteo Renzi. Sarà il tempo a dirci se l'ex procuratore ha davvero un futuro da leader. Talvolta il ruolo cambia le persone: staremo a vedere se accade anche per lui. L'impressione, per ora, è che le redini del nuovo movimento le tenga saldamente qualcun altro e a lui sia affidato il ruolo di uomo-immagine. Per il resto il debutto di domenica non ha detto molto: autocompiacimento (emblematica la scelta della colonna sonora: Heroes di David Bowie, Eroi...) e narcisismo da sinistra purosangue l'hanno fatta da padroni. Il copione era scritto (non da Grasso) ed è stato interpretato secondo le migliori e antiche tradizioni. C'è però un aspetto di questa vicenda che sorprende e merita una riflessione: Grasso è tuttora il Presidente del Senato, la seconda carica dello Stato, ruolo terzo per definizione. Decidere di scendere in campo a qualche mese dalle elezioni come leader di una nuova forza politica è nei diritti di Grasso. Ma, per rispetto alla trasparenza, il presidente del Senato avrebbe forse dovuto farlo rinunciando al suo incarico o facendo almeno un passo di lato. Nulla di tutto ciò. Non è ovviamente in dubbio la correttezza personale di Grasso, ma è evidente che, da domenica, la sua neutralità istituzionale non sarà più quella di prima e ogni sua scelta verrà letta e interpretata alla luce del suo nuovo ruolo politico.

    
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 5 Dicembre 2017, 13:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Grasso è perbene, ma se fa il leader di partito non può continuare a guidare il Senato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2017-12-06 15:45:30
uno ha tutto il diritto, nella legalità, di essere di parte(s)...ma se il suo ruolo è di "super partes" allora ne vengono a mancare i requisiti minimi; la via giusta è la rinuncia alla carica per non compatibilità. Lo dico io che, pur non strappandomi le vesti per Grasso, sono vicino a quell'area politica. Per quanto riguarda il "cinismo" di cui Grasso sarebbe "scarso"...posso dire che, come per tante altre cose, si possono avere mille sfumature di cinismo o meglio esserlo e meno a seconda dell'occasione; c'è che ne fa sfoggio quasi a vanto (vedi un D'Alema) e chi si mostra empatico ma nei momenti salienti non esita a "concordare" orrori legislativi che se pesano su qualcuno pesano sempre su chi meno può o sa difendersi.
2017-12-05 19:25:56
Caro Grasso, è facile proclamare "liberi e uguali" quando lei è mooooolto più libero e mooooooooooolto più uguale degli altri. Magari provi ad essere uguale con 1500 euro mensili.
2017-12-05 18:31:36
se non sbaglio l'autrice della lettera : Flora Dura , è una esponente del PD , immagino renziana . che usando il pretesto della letterina prova a mettere in cattiva luce un suo avversario politico ...
2017-12-05 18:10:26
Beh cinicamente si potrebbe dire che così col minipartitino ennesimo di questo governo di voltagabbana e transfughi ha ancora di più frammentato la sinistra e dichiarato la sua prossima uscita dalla scena politica appena ci consentiranno di votare e non sarà l'unico per fortuna.
2017-12-05 18:40:42
Sicuri che riuscirete a liberarvene?