Ridurre i compiti per le vacanze natalizie? La decisione spetta solo agli insegnanti

PER APPROFONDIRE: compiti, lettera, scuola, vacanze
Caro direttore,
l'invito del ministro Bussetti a non dare i compiti agli studenti per le prossime vacanze natalizie è senz'altro una bella notizia per tanti giovani scolari. Che lo sia anche per la scuola e per le famiglie è tutto da vedere. È arcinoto come la maggioranza degli insegnanti sia affezionata ai compiti per casa e come le famiglie in generale considerino il lavoro domestico un indice di serietà da addebitare agli istituti scolastici. Nelle vacanze, poi, i compiti possono essere un deterrente contro le distrazioni ed il non far nulla. Né vale per molti studenti e famiglie ipotizzare attività alternative riferite alle letture, ai viaggi, al gioco... oppure al fantasioso stare in famiglia. Quasi sempre gli hobby, gli interessi e le occupazioni alternative, a volte decidono il futuro di molti giovani, non hanno nulla da spartire con i compiti a casa. Proprio qui sta il problema. Che cosa sono questi compiti? Uno stimolo alla ricerca, all'approfondimento personale, al consolidamento di abilità e competenze? Oppure diventano un tempo da occupare solo per ordine del docente, non di rado con significato punitivo e senza un reale raccordo di comprensione con quanto si è fatto in aula. Spesso gli studenti a casa eseguono senza aver capito, di conseguenza il ricorso abituale alle ripetizioni ed al falso recupero. Operazioni tardive ed assurde. Pertanto l'invito del ministro, se vuole essere davvero producente, dovrebbe recuperare quelle riflessioni ormai datate, diventate movimenti, come il metodo modi, che considerano il lavoro fatto a scuola un iter completo per il consolidamento delle competenze senza il bisogno di compiti a casa. Da aggiungere che una scuola organizzata in tal modo rimuove lo spettacolo, a volte opprimente, di ragazze e ragazzi, spesso giovanissimi, obbligati a fare la staffetta tra casa e scuola con zaini pesantissimi zeppi di libri.
Luigi Floriani
Conegliano (Treviso)


-- --

Caro lettore,
secondo le statistiche dell'Ocse gli studenti italiani sono fra coloro che al mondo hanno più compiti per le vacanze. Poiché a questo non corrisponde sempre un'eccellenza in termini di preparazione, qualche correttivo e qualche riflessione su questo argomento può essere utile. Ben vengano dunque le raccomandazioni e i suggerimenti del ministro. Tuttavia mi permetto due considerazioni. La prima. In tanti ormai non resistono alla tentazione di sostituirsi agli insegnanti. Di fare la lezione ai professori. Credo invece che anche su questo tema l'ultima parola debba essere la loro. Fatto salvo l'autorevole e saggio consiglio del ministro, sono i docenti, in piena autonomia, quelli che possono meglio di chiunque altro giudicare se ai loro studenti è necessario assegnare compiti per le vacanze natalizie o se invece possono esentarli e lasciarli liberi di dedicarsi ad altro. La seconda considerazione e questa. Se ai ragazzi vogliamo evitare l'onere dei compiti natalizi per consentir di dedicarsi al riposo e alla famiglia, suggeriamo almeno loro la lettura di un buon libro. Male non farà.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 13 Dicembre 2018, 05:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ridurre i compiti per le vacanze natalizie? La decisione spetta solo agli insegnanti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-12-14 15:15:32
Binariciuto ha ragione: occorrerebbe una materi in piu' o sostitutiva di"aria fritta", ovvero come impegare il tempo libero in modo proficuo, divertente e liberatorio.Altrimenti o si risolve togliendo tempo libero oppure lasciandoli a rapper , ai gestori di"discoteche ex stalle", mescitori di beveroni e venditori di paradisi. Compiti nei licei spotivi: sciare di discesa libera, slalom gigante, speciale , sci fondo, biathlon ,pattinaggio, eserciziin palestra, defatigamento, nuoto.....uffa!
2018-12-14 14:50:34
Proposte sempre al ribasso. Eppoi ci stupiamo che siamo tra gli ultimi nelle classifiche dell'istruzione ? Quanti ragazzi dell'ultimo anno delle elementari conosce la geografia geopolitica d'oggi ? E quanti degli studenti all'ultimo anno del classico o dello scientifico lo sanno ? Ma non sarebbe meglio ripristinare gl'Istituti professionali visto che quando hai bisogno d'un idraulico, non lo trovi nemmeno per miracolo ( a meno di laute parcelle in nero?)
2018-12-14 11:56:19
Si giudica un docente non solo da quanti compiti assegna, ma anche di che tipo e ...come verifica. Certi assegnano esercizi gia' di difficolta' elevata , senza aver indicato dove studiare (la teoria e gli esempi guida), senza aver proposto una scaletta di difficolta' crescente..( che pure sui testi esiste)e al ritorno da casa , periodo ordinario o di vacanza, non controlla o solo superficialmente, corre in avanti..avanti.avanti..seminando per strada 2...5...22 ...con la lingua fuori e badando solo a quelli dotati(o assititi a casa)
2018-12-13 20:09:31
Li abbiamo fatti tutti (più e meno) all'epoca e siamo qui a commentare.
2018-12-13 19:36:09
Affidare tutto al buon senso e alle capacità degli insegnanti? Come per i libri da portare a scuola? Non credo sia una cosa intelligente!