Se vogliamo che i giovani restino in Italia dobbiamo premiare il merito, non l'età

PER APPROFONDIRE: giovani, italia, meritocrazia
Caro Direttore,
leggo che nel 2015 e nel 2016 più di 200.000 italiani hanno lasciato il nostro Paese. La maggior parte sono giovani (molti dei quali laureati) di età compresa tra 15 e 40 anni. I nostri politici vogliono darci a bere che in un mondo globalizzato sia del tutto normale una certa mobilità professionale. Non è così se questa mobilità è a senso unico. Quindi il primo problema è che noi esportiamo cervelli ed importiamo manodopera a basso costo. Le nostre università di cui tanto si parla in questo periodo sfornano un eccesso di laureati che il mondo del lavoro non assorbe. Troppi laureati, per lo più generici, e pochi nei settori dove c'è richiesta. Il secondo problema riguarda il futuro di questi giovani espatriati. Se non mutano le condizioni (ci vorrebbe una programmazione e una politica economica che non c'è) questi giovani rischiano di non fare più ritorno a casa se non da turisti perché ritornare equivarrebbe ad essere di nuovo disoccupati.


Lino Renzetti
San Donà di Piave


Caro lettore,
è vero che in un mondo globalizzato anche le risorse umane si spostano e viaggiano alla ricerca di migliori opportunità. Ma in Italia c'è anche un fenomeno diverso. E più preoccupante. Dal nostro Paese tanti giovani e tante persone portatrici di competenze se ne vanno perchè qui non trovano opportunità adeguate alle loro aspirazioni di crescita professionale e di miglioramento economico. Quando si dice che l'Italia non è un paese per giovani si dice una verità. Nel senso che l'organizzazione sociale e spesso anche quella aziendale non è orientata ai giovani o lo è solo parzialmente.

Riflettiamo per esempio su questo aspetto. In Italia, in molti ambiti lavorativi, l'anzianità incide assai ancora più del merito. Lo prevedono gli stessi contratti di lavoro, che in misura limitata premiano il raggiungimento di risultati. Se si ascoltano le testimonianze di chi è andato a lavorare all'estero, si nota un argomento ricorrente: la percezione che fuori dall'Italia il merito sia più e meglio riconosciuto e valorizzato di quanto accade nel nostro Paese. Dove rigidità e vincoli legislativi e ambientali frenano e ostacolano la possibilità di emergere e di vedere riconosciuti i risultati del proprio lavoro. Se vogliamo che tanti giovani non fuggano all'estero o se vogliamo che tornino dobbiamo creare un sistema che sappia premiare il merito. Oggi non è così.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 7 Ottobre 2017, 15:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Se vogliamo che i giovani restino in Italia dobbiamo premiare il merito, non l'età
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2017-10-08 15:45:02
I cittadini Italiani che emigrano fanno un PIACERE alle "autorita' centrali:" MENO responsabilita' (che si tengono pure i soldi versati come contributi da coloro che emigrano) per tutti (infatti il ministro del Lavoro famosamente disse ..."fora dalle p..."). Il Lavoro e Sicurezza in Italia diminuiscono SEMPRE piu'...prima delle elezioni fa "in" parlare di "integrazione" (che richiede SECOLI, dovunque nel pianeta), di "..ismo" (qualunque) e simili...PER AVERE I VOTI dei NUOVI cittadini itagliani (alla Ius Soli o Culturae). PATETICO e OVVIO..l'Itaglia non ha il coraggio di dire la verita' ..la corruzione, il malaffare ed il ns. debito sono in crescita e QUALCUNO dovra' pagarli, certo non le imprese che se stanno abbandonando l'Itaglia. CHI rimane? Come il TAA, e FVG, VENETO AUTONOMO.
2017-10-08 15:25:51
Quello dell'Emgrazione giovanile è un argomento attuale e appassionante. Sarebbe molto interessante che questo Quotidiano importante e qualificato prendesse l'iniziativa e invitasse i Giovani, in particolare quelli delle Regioni del Nord Est che di trovano e lavorano all'estero, a raccontare la loro esperienza e i motivi per i quali si sono allontanati dalla propria famiglia e dai propri affetti.
2017-10-08 12:41:16
Molti son partiti per fare i camerieri a Londra o Uk, con l'illusion edi imaprare perfetteamente ed mpliar ela padronanza dellalingua inglese.Risultato... praticato solo quel gergo ristretto da locale pubblico, con molti: capèicino, pizsa, exprezzo, prosekkio...spaghedi con besto. Hanno disimparato l'inglese che sapevano e persino l'italiano.
2017-10-08 09:25:41
c'è ben poco da fare. Se sei figlio del papà giusto sei bravo anche da giovane e le porte aperte ti vengono a cercare. Altrimenti devi aspettare ed omaggiare i padri giusti e relativi figli sperando che prima o poi la porta di qualche sgabuzzino si apra. Eccezioni ve ne sono, ma questa è la regola. Non è un caso se abbiamo la più bassa mobilità sociale delle economie avanzate. Per fortuna il mondo è diventato piccolo e lavorare nell'u.e. non è più migrare
2017-10-08 09:05:13
Non è solo in medicina ma anche in altri tipi di studio. Laureato in economia aziemndale aveva trovato subito lavoro,però come addetto tutto fare,si può dire,in un cantiere;un ing. informatico restava sempre sospeso nel vuoto di un futuro incerto....son partiti,Australia e Svezia e non stanno pentendosi...anzi! Tanti altri ancora partiranno e sarà riconosciuto il loro merito se sapranno darne dimostrazione,mentre in Italia vale solo l'anzianità.