Cari Cinquestelle, la riforma elettorale è sbagliata ma non è un golpe nè un attentato alla democrazia

PER APPROFONDIRE: cinquestelle, golpe, riforma elettorale
Egregio direttore,
il Suo giornale giovedì scorso, sul tema Rosatellum, ha ospitato l'intervento del Coordinamento per la democrazia Costituzionale-Comitato Padova per la Costituzione. Il giorno dopo Lei ha risposto a un lettore, sempre sulla riforma elettorale, non solo definendone ridicolo il nome (sono d'accordo), ma criticando anche la sostanza e i contenuti (sono ancora più d'accordo). Vorrei farLe notare che tutto quello che ha detto Lei è esattamente quello che il Movimento Cinquestelle ha gridato nelle piazze. Allora dov'è la contraddizione in termini nella politica dei Cinquestelle di cui Lei parla? Io vedo viceversa una Sua grave mancanza di coerenza. Il Suo amico Renzi ha detto che il PD rappresenta l'unico argine al dilagare del populismo, usando in senso dispregiativo questo stupido stereotipo per bollare le critiche alle sue malefatte e ai suoi errori. Può stare tranquillo, non è cosi: in questo tentativo è coadiuvato dalla stampa di regime e adesso da uno sconosciuto signor rosatellum che ha assolto diligentemente il mandato che gli è stato affidato ed è riuscito nell'intento e ha ricompattato miracolosamente tutto il vecchio marciume della politica. Bravo, molto bravo. Io spero tuttavia che l'intelligenza degli elettori scardini questa paratia e impedisca che si realizzi questo disegno contronatura (e contro la democrazia).


Pietro Spera
Padova


Caro lettore,
non sono né amico né nemico di Matteo Renzi. Come non lo sono di Matteo Salvini, di Beppe Grillo o di Silvio Berlusconi. Mi limito, per quel che le mie capacità mi consentono, ad esprimere le mie opinioni senza preoccuparmi di dispiacere o di piacere all'uno o all'altro. Nel caso specifico, a proposito della posizione di M5S sulla riforma elettorale, ho parlato di contraddizione in termini perché trovo irrealistico che si pensi di poter far politica, come sostiene il Movimento fondato da Grillo, escludendo a priori alleanze o intese con altre forze politiche. Dunque non ritengo per principio sbagliata o antidemocratica una legge elettorale che favorisce accordi o alleanze. Contesto invece, come fa M5S e altre forze politiche, alcuni aspetti importanti di questa nuova legge, in particolare per ciò che riguarda i criteri di scelta e selezione dei candidati, e l'ho scritto chiaramente. Aggiungo però che un conto è criticare una riforma, altro è gridare all'attentato alla democrazia o alla Costituzione. La riforma che si sta approvando, dal mio punto di vista, è sbagliata perchè si preoccupa più di soddisfare gli interessi delle forze politiche che di garantire i diritti degli elettori e la stabilità di maggioranze e governi. Ma non è una svolta autoritaria né l'anteprima di un golpe. Forse sarebbe ora che chi fa politica, vecchio o nuovo che sia, imparasse a misurare i toni e a dare il giusto peso alle proprie posizioni. Nell'interesse dei cittadini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Ottobre 2017, 14:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cari Cinquestelle, la riforma elettorale è sbagliata ma non è un golpe nè un attentato alla democrazia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2017-10-18 14:02:48
I commenti qui sotto si sprecano e come al solito escono dal seminato. Quanto chiarito dal Direttore è lapalissiano. I 5 stelle si sbracciano e gridano (dalle piazze) all'attentato della democrazia quando fa comodo, ma quando avrebbero potuto portare a casa una legge elettorale precedente migliore di questa si sono opposti senza proporre alcunché, peraltro come al solito. Ma i loro metodi governati attraverso una piattaforma digitale asservita ad un manipolo di tecnocrati e capeggiati da un ex capo che ha nominato de facto il proprio successore ben prima di aprire le primarie, che ha espulso propri membri solo perché osano pensare e parlare - ricordate che all'inizio non potevano concedere interviste?- hanno cacciato chi aveva vinto le primarie a Genova e poi hanno perso, ecc.. Ma è democrazia? Ma chi è questo movimento? Non vogliono alleanze? Staranno sempre all'opposizione! A meno che..
2017-10-18 14:50:06
Sig. Hallo lei non è ben informato riguardo alla precedente legge elettorale. Il giorno della votazione di un punto fondamentale di questa legge, che doveva essere a scrutinio segreto, involontariamente ed erroneamente è stato palese, e si è potuto constatare a quale Partito appartenevano i “Franchi Tiratori”. A me risulta che fossero del Pd e il M5S non ha perciò nessuna responsabilità. Riguardo al caso delle candidature alle elezioni del Comune di Genova, condivido quello che ha fatto il Sig. Beppe Grillo, Garante del M5S. Per conoscere le motivazioni di questa decisione la invito a consultare il Blog del Sig. Beppe Grillo.
2017-10-18 09:38:59
Per governare si devono fare alleanze? e allora si aprano le danze. Ecco i nuovi mostri: Meloni (Stato Sovrano) con Salvini (secessionista), Brambilla (animalista) e Salvini (pro-cacciatori), Renzi (sinistra?) e Alfano (destra?). Gli unici che stanno bene insieme sono Renzi e Verdini, ma non dirò il perchè.
2017-10-18 12:01:41
uno dei problemi della cd. "legge elettorale" (da quello che so) e' che i rappresentati del Parlamento saranno NOMINATI dai segretari di partito, NON dai cittadini Italiani. Cioe' lei potra' votare per una persona, ma se ne trovera' un'altra --scelta da un segretario di partito -- a rappresentarla...e indovini a CHI rendera' conto delle proprie azioni questo "rappresentante": a lei o al segretario di partito?
2017-10-18 12:51:48
E io che ho detto? Si nominano e si alleano tra loro anche senza affinità.