Miriam Leone: «Le molestie? Bisogna far capire agli uomini che no è no»

Miriam Leone: «Le molestie? Bisogna far capire agli uomini che no è no»
«Avevo 23 anni e non ero una bambina, anzi posso dire che ero la zia delle altre ragazze, e la mia vita è cambiata in un modo che fatico ancora a decifrare. Sono andata pensando: io lo so dentro di me che cosa voglio fare, e questa può essere una carta da giocare per emanciparmi e per andare via da questa realtà in cui stavo seduta davanti al mare a guardare l’orizzonte e aspettavo che succedesse qualcosa. Studiavo Lettere all’università, ma non sapevo che cosa avrei fatto della mia vita, ero senza futuro». Lo racconta a Grazia Miriam Leone, che sarà nelle sale a partire dal 13 dicembre con il nuovo film “Il testimone invisibile”, in cui recita insieme a Riccardo Scamarcio e Fabrizio Bentivoglio.

Miriam Leone e Paola Cortellesi verso Sanremo, Baglioni le vuole al suo fianco

A partire dal caso Harvey Weinstein, il produttore accusato di molestie, il mondo del cinema è stato scosso da una serie di vicende che hanno coinvolto anche l’Italia, sulle quali l’attrice 33enne ha un’idea precisa: «Io lavoro benissimo con gli uomini, amo lo scambio, anche la battuta greve mi fa ridere, la prendo con ironia. La grevità della battuta che mi viene fatta appartiene a chi la fa, proprio non mi tocca. E sono la prima che spesso fa una battuta con una parolaccia, ma se c’è qualcuno che ha dei problemi, che non ha imparato a vivere e a relazionarsi, non ho intenzione di fargli da assistente sociale. L’importante è che ci sia la consapevolezza che non si può usurpare il diritto della donna a dirti di no». E continua: «Ho apprezzato e aderito a Dissenso Comune e #nonènormalechesianormale. Dobbiamo rompere le scatole, sensibilizzare, fino ad apparire noiose, bisogna comunicare questo messaggio semplice: no vuol dire no».
 

 
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Dicembre 2018, 15:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Miriam Leone: «Le molestie? Bisogna far capire agli uomini che no è no»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-12-13 01:03:40
….piu' facile dirlo che…... farlo….specie con certi abbigliamenti…..!
2018-12-06 10:44:11
Di fronte a certe mise,indossate non a caso, resistere , resistere, resistere.Oppure con la smorfia di Fantozzi con la lingua strozzata , fuggire al galoppo nel bosco o far finta di niente in modo buffo che con la mimica si tenta invano di dissimulare..
2018-12-07 13:04:57
già, ma evidentemente in questo caso, è un discorso a senso unico; libertà ad ogni costo da una parte e briglie (o museruola) dall'altra, welcome to "modern" society