Tav, analisi del dossier a Francia e Ue: alta tensione Lega-M5S

PER APPROFONDIRE: francia, governo, polemica, tav
Tav, analisi del dossier a Francia e Ue: alta tensione Lega-M5S
Dopo la Francia, anche la Commissione Ue ha ricevuto dal governo italiano l'analisi costi benefici sulla Tav. Per la diffusione dei suoi risultati, il ministero dei Trasporti sembra però intenzionato ad attendere ancora, facendo salire alle stelle la tensione tra Lega e Movimento 5 Stelle. «Da vicepresidente del Consiglio, che rappresenta gli italiani, non ho l'esame. È abbastanza bizzarro...», tuona Matteo Salvini. «Neanche io l'ho letta, ma quando mi sveglio penso al fatto che da Roma e Pescara ci vogliono sette ore e non al buco per collegare Torino e Lione», ribatte Luigi Di Maio, mentre le opposizioni chiedono al presidente della Camera, Roberto Fico, di «far valere le prerogative del Parlamento». 

Tav, consegnata l'analisi alla Francia: nel dossier c'è il no
Tav: Zaia, a noi interessa andare a Lione, no al referendum


E i deputati piemontesi di Forza Italia minacciano addirittura di bloccare i lavori della Camera. Lo scontro tra gli alleati di governo sulla contestata opera, insomma, sembra essere arrivato all'ultimo round. O quasi. «Matteo deve avere ancora un pò di pazienza, quando sarà il momento gli porterò io personalmente l'analisi in busta chiusa», prova a mediare il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli. Ma il leader del Carroccio non cambia idea - «l'Italia sulle grandi opere pubbliche deve andare avanti, non bloccare e tornare indietro» -, tanto che tra i banchi dell'opposizione si parla di «guerra aperta» tra Lega e M5S, con Forza Italia che invita Salvini a staccare la spina all'alleato e il Pd a puntare il dito contro il grave sgarbo istituzionale al Parlamento. 
 

«Ma non erano il governo del 'prima gli italianì?», si chiede Lara Comi, europarlamentare di Forza Italia. «È incredibile che i 5 Stelle impediscano ai cittadini di esprimersi su questa infrastruttura», dice la leader di FdI Giorgia Meloni, commentando il no del Comune di Torino al referendum chiesto dal suo partito. Davide Gariglio, deputato Pd in Commissione Trasporti, accusa Marco Ponti, il professore a capo della commissione che ha effettuato l'analisi, di averne illustrato l'esito ai soli deputati M5S. Cosa sia scritto nel documento, ottanta pagine in tutto, non è dato saperlo con precisione, anche se il no alla Torino-Lione sembra scontato. Si parla di costi superiori ai benefici per 7 miliardi di euro, buona parte dei quali calcolati sulla base delle minori accise incassate dallo Stato per la riduzione dei tir sulle strade. Come se ridurre l'inquinamento, tutelando così l'ambiente, non contasse nulla.

«Ci stiamo facendo ridere dietro da tutta Europa», afferma Corrado Alberto, presidente di Api Toino e portavoce del sistema imprese del Piemonte che rappresenta ben 33 sigle. «La Tav a regime comporta cantieri con l'occupazione di 50 mila persone, questa analisi di impatto può bastare al Paese per fare un salto di qualità», ricorda il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, a Torino per un tavolo sull'automotive. «Il governo gioca con il futuro delle imprese e dei lavoratori - riprende Alberto - I politicanti di ogni colore privi di senso dello Stato, e ottusamente chiusi al futuro, non credano che il sistema dell'economia abbia la memoria corta».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Febbraio 2019, 12:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tav, analisi del dossier a Francia e Ue: alta tensione Lega-M5S
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 44 commenti presenti
2019-02-07 12:40:51
Eccoli qua i nostri due eroi che fino ad un anno fa ( azz... è già passato un anno dalle elezioni) con facili slogan (costi standard, la siringa, l'invasione di neri, 5 milioni a rischi povertà, e mi chido come facciano ancora ad essere vivi, le pensioni d'oro, i privilegi, e ancora oggi con 4 anni e 6 mesi anche i grillini avranno il privilegio di avere una pensione di 2 mila euro) convincevano milioni di Italiani a votarli, bene oggi con altrettanti slogan si può sintetizzare l'azione di questo governo, RECESSIONE,e oggi SPREAD 284.
2019-02-07 12:33:13
Continuo a non capire questo Danilo Toninelli. Io sono per redicontare agli Italiani il proprio operato,indipendentemente da che parte una persona proviene, come rappresentante in una parte degli Italiani. Ora, questo Toninelli scrive su twitter "Analisi costi benefici su #Tav è stata decisa da un Governo sovrano.." DI COSA sta parlando? questo Toninelli e' forse affetto da MEGALOMANIA? questa "analisi" l'ha data o no e A CHI? a noi tutti (POPOLO SOVRANO NON governo sovrano) NO (SENZA alcuna TRASPARENZA)..e questo Toninelli vorrebbe avere l'approvazione del POPOLO SOVRANO....e come???? DOVE e' andata a finire la rendicontazione, Toninelli e amici? COME fa UN D.T. a "decidere" PER IL POPOLO SOVRANO, NON il "governo sovrano"? CHI lo lascia fare e perche'?
2019-02-07 12:05:50
Corre voce che nel conto perdite , abbianocomputato messo il minor introito per accise sul consumo carburante dei mezzi su strada che si sposterebbero su treno.( il che confernma indirettamente che ci sarebbe minor inquinamento..Sembra uno studio alla maniera di Procuste ed il suo mitico lettone.)
2019-02-07 11:37:57
Toninelli per far tornare i conti con i suoi desiderata ha inserito nei costi il minor gettito dovuto al minor consumo di carburanti e poi fanno gli ambientalisti tassando le auto che consumano di più. All’anima della coerenza.
2019-02-07 09:37:37
mal che vada fateci un minigolf per ciclopi.