Protesta Ncc, bombe carta e scontri davanti al Senato: 6 agenti feriti

PER APPROFONDIRE: ncc, roma
Protesta Ncc, bombe carta e scontri
davanti al Senato: 6 agenti feriti
Bombe carta, lancio di oggetti contro la polizia e cariche del reparto mobile. È di 6 agenti feriti e un manifestante contuso il bilancio degli scontri tra Ncc e polizia davanti a Palazzo Madama. La polizia ha allontanato circa 400 manifestanti ncc che erano davanti all'ingresso del Senato per portarli via da Corso Rinascimento, chiusa al traffico da ore. 
 
 


Alcuni si erano sdraiati per terra, tra di loro quelli che da una settimana sono in sciopero della fame, che non sono stati allontanati al momento. «Noi dalla piazza non ce ne andiamo, in ballo c'è il nostro lavoro, la nostra vita». A parlare è Giulio Aloisi (responsabile Anitrav del Lazio), uno dei noleggiatori da giorni in sciopero della fame che protesta contro il decreto legge che «cancellerebbe la nostra esistenza di lavoratori». I noleggiatori sono romasti ore sotto Palazzo Madama. «I due che con me stanno facendo lo sciopero della fame si sono seduti a terra perché si sono sentiti male - aggiunge - Questo è il governo del cambiamento che cancella le imprese e l'occupazione. Siamo disperati. Così chiuderanno 80mila imprese, e tutto per pagare una marchetta elettorale alla lobby tassista».
 


Quando gli agenti hanno tentato di allontanare alcuni autisti, sdraiati a terra, è scoppiata la rivolta. Alcuni agenti sono stati trascinati. Poi la carica della polizia. «Hanno rifiutato ogni mediazione  - ha spiegato la questura - pertanto all’avanzare dei reparti schierati, si sono seduti per terra, opponendo resistenza passiva. A questo punto, intimando ancora una volta di allontanarsi e non ottemperando, le persone sedute in prima fila sono state fatte alzare; alcuni hanno posto resistenza, mentre i manifestanti nelle file più indietro hanno lanciato numerosi oggetti verso le Forze dell’Ordine nonché grossi petardi».

«Gli episodi di violenza e sopraffazione di cui nella giornata odierna di sono resi protagonisti un centinaio di noleggiatori, durante una protesta non autorizzata inscenata sotto al Senato, sono inaccettabili». È quanto dichiarano in una nota Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Tam, Satam, Claai, Faisa Confail taxi, Unimpresa, Ati taxi, Associazione Tutela Legale Taxi e Associazione nazionale autonoleggiatori riuniti - Anar.

«Bombe carta, petardi, blocchi del traffico e danneggiamenti alle vetture dei nostri colleghi, dimostrano una sostanziale insofferenza a qualsiasi tipo di regole aggiungono - D'altronde, da persone abituate a spadroneggiare per anni nel nostro settore, in un contesto di sostanziale impunità, il ripristino e l'osservanza di regole minime, appare come una violenza. Quanto infine affermato da alcuni rappresentanti sindacali del comparto del noleggio - conclude la nota - in relazione a presunti rapporti di collaborazione tra i nostri legali ed esponenti del governo per la stesura del D.L. 143, sarà oggetto di una specifica querela di parte, i cui proventi saranno destinati in beneficenza».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 28 Gennaio 2019, 19:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Protesta Ncc, bombe carta e scontri davanti al Senato: 6 agenti feriti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-28 22:42:48
quanti voti hanno promesso i tassinari al governo? Un bel malloppo di voti... e comunque che protestano a fare gli ncc, tanto è inutile, i tassisti cacciano soldi e voti politici quindi vincono, fanno pena ma vincono