Piacenza, studente di 11 anni picchia la professoressa dopo un rimprovero

PER APPROFONDIRE: piacenza, professoressa, studente
Studente di 11 anni picchia la prof dopo un rimprovero
Una professoressa di una scuola della provincia di Piacenza, colpita ripetutamente ad un braccio da uno studente di prima media, è finita al pronto soccorso con una prognosi di sette giorni. Il ragazzino è stato sospeso con obbligo di frequenza e la scuola ha presentato una denuncia per infortunio sul lavoro e una segnalazione ai servizi sociali. La notizia al pubblicata dal quotidiano 'Libertà'.

L'episodio risale a qualche tempo fa. «Fatti violenti contro insegnanti di Piacenza, chiediamo di perseguire duramente i responsabili: i genitori rispondano delle azioni dei figli», ha detto Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma, commentando la notizia.

«È grave il fatto che uno studente aggredisca il proprio insegnante che in quanto tale rappresenta anche l'autorità statale - sottolinea il sindacato Gilda - trattandosi di un soggetto minore dei 14 anni egli non è perseguibile penalmente ma certamente i genitori (o chi per essi) rispondono verso terzi dei danni prodotti dai loro figli». La Gilda «inviterà formalmente l'Ufficio scolastico regionale dell'Emilia-Romagna e l'Avvocatura dello Stato di Bologna ad agire nelle competenti sedi giudiziarie, solitamente lo fanno solo quando si tratta di 'andare contro gli insegnantì mai quando c'è da agire per tutelarli».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Febbraio 2018, 11:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Piacenza, studente di 11 anni picchia la professoressa dopo un rimprovero
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-02-15 12:49:49
Continuate a giustificare i vostri figli per tutto quello che fanno,poi finisce come in Florida,morti e feriti per un ragazzino OFFESO.Visto che i giovani non sono responsabili di fronte alla legge bisogna perseguire i genitori che ne sono responsabili.
2018-02-15 09:42:45
sara' mica di "quelli" che considerano le donne come "esseri inferiori" (poi figurarsi se una gli "rompe"? con le classi miste e multiculturali e senza restrizioni al bullismo, poi a sedici stuprano e a 18 ammazzano questo e' precoce ma non capisco come facciano a "sospenderlo" con "obbligo di frequenza" sembra contraddittorio?
2018-02-15 07:31:10
Questi casi si stanno moltiplicando in maniera esponenziale negli ultimi tempi . Gran parte della colpa e' della cosiddetta "Buona Scuola" che ha trasformato le scuole in aziende che debbono vendere un prodotto al cliente . Il cliente è il genitore che certamente prende sempre le parti del figlio . Gli insegnati , per non urtare la sensibilita' delle mamme papa' nonni affini e ascendenti, nulla possono dal punto di vista disciplinare .
2018-02-15 12:59:41
E si, una giustificazione per un genitore lacunoso bisogna pur sempre trovargliela, a costo di tirare in ballo anche la politica.
2018-02-15 07:10:47
Infatti, dopo qualche minuto leggo la notizia dell'ennesima strage in USA, 17 morti in edificio scolastico.L'istruzione sara' pure obbligatoria, ma qualcuno andrebbe esentato da inaffrontabili licei ed istituti superiori ed indirizzato a meno stressanti e piu' appaganti corsi professionali eminentemente pratici...scelti dallo studente e non da genitori ambiziosi per conto terzi.