Papa Francesco apre il summit sulla pedofilia in Vaticano: «Ora misure concrete»

PER APPROFONDIRE: chiesa, papa, papa francesco, pedofilia, vaticano
Preti pedofili, via al summit in Vaticano. Il Papa: ascoltiamo il grido delle piccole vittime

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Quattro giorni di introspezione per trovare il modo di combattere la pedofilia tra il clero. Papa Francesco ha aperto il summit sugli abusi nella sala nuova del sinodo davanti ai presidenti delle conferenze episcopali del mondo. A tutti ha chiesto di essere concreti, di trovare misure pratiche per debellare questo male dalla Chiesa. «Ascoltiamo il grido dei piccoli che chiedono giustizia. Grava sul nostro incontro il peso della responsabilità pastorale ed ecclesiale che ci obbliga a discutere insieme, in maniera sinodale, sincera e approfondita su come affrontare questo male che affligge la Chiesa e l’umanità. Il santo Popolo di Dio ci guarda e attende da noi non semplici e scontate condanne, ma misure concrete ed efficaci da predisporre. Ci vuole concretezza» ha ripetuto Francesco.
 


I lavori sono iniziati con una preghiera e finiranno, domenica, con una celebrazione comune. «Iniziamo, dunque, il nostro percorso armati della fede e dello spirito di massima parresia, di coraggio e concretezza». Ad ogni partecipante è stato fornito un sussidio che contiene alcuni criteri che verranno sviluppati durante il dibattito che in questi giorni è previsto in Vaticano. Durante la conferenza stampa di preparazione gli organizzatori hanno messo in luce tre argomenti sui quali si concentreranno sforzi e attenzione: la trasparenza, la credibilità e la responsabilità. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 09:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Papa Francesco apre il summit sulla pedofilia in Vaticano: «Ora misure concrete»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-02-21 15:52:36
Per cortesia, qualcuno faccia sapere al papa e ai vescovi riuniti in Roma che il vescovo di Chioggia, Mons, Tessarollo, copre con il suo silenzio un sacerdote diocesano omosessuale, reo di molestie sessuali su minore. Una denuncia a suo carico giace inevasa da anni presso il tribunale della curia locale. Chi ha sporto denuncia ha perdonato, ma vuole giustizia.
2019-02-21 12:50:46
«Ora "misure" concrete» In che senso?
2019-02-21 12:43:27
Misure concrete? Comincia a rispondere a Vigano' e poi vattene in argentina!
2019-02-21 12:23:05
Va tutto bene, facciano le cose per bene e senza sconti.... Il problema pedofilia riguarda però una percentuale ridicola di persone appartenenti alla chiesa rispetto al resto della società. Se si pensa che, tanto per fare un piccolo esempio, Peter Norwell, delegato unicef, dicesi unicef, quello che ha messo mano alla Convenzione internazionale dei diritti del bambino, ha commesso abusi su bambini e con lui altri 3300 suoi colleghi, ripeto unicef ...se si pensa che quasi tutte le organizzazioni lgtb promuovono l'amore nei confronti dei bambini (love no age), che si sono rifiutate di firmare leggi a tutela dei bambini, che non hanno firmato leggi dove è scritto che il bambino è un soggetto di diritto....ecc.. Un paio di nomi, tanto per far capire, poi cercatevi chi sono questi due signori, Ed Buck e Terry Bean. Non vorrei che passasse l'idea che la pedofilia sia solo una esclusiva della chiesa... Almeno qui il bubbone è venuto fuori e spero che si vada giù pesante... Ma in ambienti politici internazionali non solo non si fa nulla, ma ci sono spinte fortissime per relegare la pedofilia a semplice tendenza.... Vedete voi e quindi attenzione.
2019-02-21 12:17:08
Come misura concreta, molti credenti si tengono lontani dagli intermediari e pregano direttamente...o leggono , si informano ecc.