Cous cous nella mensa a scuola, mamme contro il menù multietnico: «I nostri figli restano a digiuno»

PER APPROFONDIRE: cous cous, mensa, scuola
Cous cous nella mensa a scuola, mamme contro il menù multietnico: «I nostri figli restano a digiuno»

di Ida Di Grazia

Basta con il cous cous alla mensa scolastica. «Che c'entra con la dieta mediterranea?». Le mamme del Sud (quelle che, quando ti chiamano al telefono, chiedono subito: hai mangiato?) iniziano da Bari la loro nuova crociata contro i piatti che non riscuoterebbero il gradimento dei loro pargoli. Una rivolta in piena regola, che utilizza Facebook come tam tam e punta a portare più prodotti locali in tavola.

Pietra dello scandalo il menù multietnico proposto nelle scuole del capoluogo pugliese, rinomato per piatti della tradizione come orecchiette alle cime di rapa ma anche cozze e patate. Al contrario, sono finiti al bando cuous cous di verdure, hamburger e polpette di legumi, fave e bietole, carote col prezzemolo: «I bambini - dicono le mamme - non gradiscono, paghiamo il pasto per lasciarli a digiuno». Quindi nessuna polemica di tipo razzista; le mamme di Bari sono solo preoccupate e in una discussione su Facebook hanno chiamato in causa il sindaco, Antonio Decaro, e l'assessore comunale all'Istruzione, Paola Romano, dicendosi pronte a lanciare una raccolta firme per modificare il menù della mensa scolastica. Per dovere di cronaca, ci sono anche genitori che approvano la scelta di privilegiare quest'educazione alimentare.

La risposta dell'assessora non si è fatta attendere: «Ascolteremo le esigenze delle mamme senza dimenticare che il nostro compito è quello di insegnare ad apprezzare i prodotti biologici, di stagione, diversificando l'alimentazione con l'obiettivo di combattere l'obesità infantile». L'Italia infatti - secondo gli ultimi dati della Childhood Obesity Surveillance Initiative dell'Organizzazione Mondiale della Sanità - con il 21% di bambini obesi o in sovrappeso è al primo posto in Europa per obesità infantile, superando Grecia e Spagna.
riproduzione riservata ®
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 12 Novembre 2018, 05:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cous cous nella mensa a scuola, mamme contro il menù multietnico: «I nostri figli restano a digiuno»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 55 commenti presenti
2018-11-13 09:38:16
mi sorge un dubbio: che abbiano "assunto" cuochi di origine ........... visto che ormai li "piazzano" dappertutto (costano meno e ci fai bella figura alla "Lucano Way") mica saranno cuochi nostrani che "esplorano cibi esotici" (senza neppure saperli servire)
2018-11-13 08:31:14
adesso basta, adesso è ora di finirla. O qui si adattano o via, fuori. Nel loro stato ci dobbiamo adattare alle loro regole, anche nel modo di vestirci mentre qui è concesso tutto. L'Italia in primis è degli Italiani tutto il resto sono ospiti. O si comportano bene e si adeguano o via di qui
2018-11-13 07:08:49
mettete al bando la religione cristiana che è tempo e ora, insegnategli ai bambini cosa doveva fare la sposa di maometto a soli 9 anni al suo padrone e per finire ramadan tutti i giorni, si magna solo dopo il tramonto. volete l'integrazione, bene, si cominci dall'asilo e si finisca con l'occhio per occhio e l'impalazione lungo le strade.
2018-11-13 17:37:13
E che c'entra la religione cristiana?
2018-11-13 05:25:23
Fuori dalle scatole sti sindaci traditori della Patria ! Qui siamo in Italia e chi vuole si adegua alla NOSTRA alimentazione il resto se ne tornino in islamolandia