Conte in Vaticano dal Papa per lo scambio di auguri, udienza low profile e sullo sfondo il tema dei migranti

PER APPROFONDIRE: conte, papa francesco, vaticano
Il premier Conte in Vaticano dal Papa, udienza low profile e sullo sfondo il tema dei migranti

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Udienza molto low profile in Vaticano per il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.  La visita dal Papa ha avuto carattere privato, senza delegazioni, senza clamori, molto sotto tono rispetto a quanto è accaduto in passato ad altri Presidenti del Consiglio, quasi che il Vaticano volesse misurare la distanza con l'attuale governo giallo-verde in tema di migranti. Dopo l'udienza a Conte il Papa aveva in programma l'incontro con due cardinali e con un ambasciatore in visita di congedo.

Al di là del Tevere assicurano che non c'è nessun retroscena particolare, solo la normale prassi. All'inizio del mandato ogni presidente del Consiglio inoltra in Vaticano una formal richiesta di udienza. Stavolta il carattere privato dell'incontro non ha consentito discorsi, non c'erano ministri al seguito e persino i giornalisti non hanno potuto seguire con un pool l'evento nello studio privato del pontefice. Tutto è rimasto racchiuso in un rigoroso cerimoniale e raccontato attraverso qualche foto opportunity di rito, un video di qualche secondo pubblicato sul sito Vatican News e una brevissima riflessione pubbicata stavolta sulla pagina Facebook del premier. «Abbiamo richiamato il rispettivo impegno che stiamo portando avanti per realizzare, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, un ampio disegno riformatore della comunità in cui operiamo.Ci siamo confrontati – prosegue Conte con un linguaggio ampolloso - sui temi delle diseguaglianze sociali, delle migrazioni,  dell'ambiente, della pace. È stato un incontro molto toccante, che mi  rinnova nell'impegno politico, etico, sociale a operare con grande determinazione per migliorare la nostra società e per rendere tutti i  cittadini pienamente partecipi del progetto di benessere sociale ed economico».

L'ambasciatore Pietro Sebastiani che ha accompagnato nel Palazzo Apostolico il premier non ha voluto rilasciare nessuno commento. Probabilmente anche il diplomatico era a disagio davanti alla decisione del Vaticano di derubricare a visita privata l'aspettativa di una visita di Stato. Il segnale del low profile vaticano è stato netto. Il breve colloquio previsto è servito ad uno scambio di opinioni sia sul fronte internazionale che sulla situazione interna, ultimamente segnata dallo scontro sui migranti.

Un muro contro muro che vede da una parte il ministro dell'Interno, Salvini e dall'altra Famiglia Cristiana e Avvenire, oltre che un buon numero di vescovi e cardinali. Recentemente il Vaticano non ha mancato di manifestare una certa delusione per il mancato appoggio al Global Compact on Migration siglato a Marrakesh da 164 nazioni. Al patto Onu sui migranti non hanno aderito diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti, la Polonia, l’Ungheria, la Repubblica Ceca e la Slovacchia, l’Australia, l’Austria e la Lettonia. L’Italia e la Svizzera hanno annunciato di volere sottoporre il testo all’esame del Parlamento prima di aderire anche se Inizialmente l'Italia avrebbe dovuto firmarlo.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 15 Dicembre 2018, 10:28






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Conte in Vaticano dal Papa per lo scambio di auguri, udienza low profile e sullo sfondo il tema dei migranti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-15 12:02:43
Papa Francesco fa il suo dovere di capo della nuova Chiesa della globalizzazione. In tutto simile a quella che apparve alla Beata Anna Katharina Emmerick nelle sue visioni. "Ho visto... la strana grande chiesa che veniva costruita la' a Roma. Non c’era niente di santo in essa. Ho visto questo proprio come ho visto un movimento guidato da ecclesiastici a cui contribuivano angeli, santi ed altri cristiani. Ma là nella storia della chiesa tutto il lavoro veniva fatto meccanicamente. Tutto veniva fatto secondo la ragione umana... Ho visto ogni genere di persone, cose, dottrine ed opinioni. C’era qualcosa di orgoglioso, presuntuoso e violento in tutto ciò, ed essi sembravano avere molto successo. Io non vedevo un solo angelo o un santo che aiutasse nel lavoro. Ma sullo sfondo, in lontananza, vidi la sede di un popolo crudele armato di lance, e vidi una figura che rideva..."