Tav, Di Maio: «Ridimensionare l'opera? Una supercazzola»

Tav, Di Maio: «Ridimensionare l'opera? Una supercazzola»
Tensione altissima tra i partner di governo sul caso della Tav. Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono nuovamente intervenuti sul tema a margine di eventi elettorali cui stanno partecipando. «Non siamo al mercato, io ti dò questo tu mi dai quello, è roba di vecchi governi, non ho bisogno di aiutini, ho fatto il ministro, io blocco gli sbarchi, sveglio l'Europa e fermo i morti e le partenze, l'ho fatto, lo farò, poi sulla Tav aspettiamo i numeri». Così Matteo Salvini questa mattina prima di un comizio a Campli per le regionali, a chi gli chiedeva se l'indecisione di Luigi Di Maio sul voto per il caso Diciotti fosse un grimaldello per avere un via libera sul Tav.

Di Maio. «Finché ci sarà il Movimento al Governo, la Tav non si farà. Ridimensionata? Il tema non è il ridimensionamento dell'opera: se diciamo queste cose, parliamo di una supercazzola». Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio a margine di un evento elettorale a Ortona. «Per me valgono le priorità: in questo governo ce lo siamo detti chiaramente dall'inizio, ci sono cose su cui siamo d'accordo e altre no. Lavoriamo su quelle su cui siamo d'accordo, altrimenti devo concludere che si spinge su cose su cui non siamo d'accordo per creare tensioni nel governo? Io non lo consiglio».

Tav, Salvini boccia Di Maio: «Grandi opere, nessuno stop. Piano Marshall per il rilancio»


Salvini. «Sulla Tav decidono gli italiani, che hanno bisogno di viaggiare di più, di inquinare di meno, di spendere di meno. Non rispondo alle polemiche, il tempo lo investo lavorando e credo che il Governo, come ha fatto in questi mesi, troverà la soluzione migliore, perché lasciare 20 chilometri di buco sotto a una montagna non mi sembra utile né agli italiani né a nessun altro. C'è bisogno di viaggiare di più e meglio, se un'opera mi costa meno finirla che fermarla è evidente dove sta la ragione. Però, ripeto, col buon senso l'accordo si trova».

Poi Salvini interviene sul caso Diciotti e ha detto di «essere tranquillo, avevo promesso agli italiani di azzerare gli sbarchi, di fermare i barconi e di arrestare gli scafisti, l'ho fatto e continuerò a farlo, poi in Senato ognuno sarà libero di votare come ritiene di votare».

Matteo Salvini ha parlato anche di ricostruzione in Abruzzo e nelle zone limitrofe, sottolineando come «non è possibile che a Teramo ci siano ancora 4mila persone fuori dalle abitazioni». L'imperativo è «dare più poteri ai sindaci, per ricostruire, snellire, per accelerare. Ma sia ben chiaro prima vengono gli abruzzesi, prima vengono gli italiani e dopo vengono tutti gli altri paesi del mondo».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 3 Febbraio 2019, 11:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tav, Di Maio: «Ridimensionare l'opera? Una supercazzola»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2019-02-03 21:22:13
Di maio, di battista, fico....... sono tutti campani che hanno voluto il reddito di cittadinanza, il condono edilizio ( solo a ischia), la pensione di dignita per il sud. Invece al nord cancellano le grandi opere di cui le nostre aziende, vedi confindustria, le associazioni di artigiani e commercianti, le associazioni delle piccole imprese, persino i sindacati reputano necessarie. Tanto assistenzialismo al sud a spese del nord.
2019-02-03 20:02:12
….cosa non si fa…..per due voti…..!
2019-02-03 17:53:00
Di Maio, non temere, nessuno potrà toglierti il record delle supercazzole!
2019-02-03 17:41:51
ORMAI UN NOTAV AGGREGA OVUNQUE. Serve a sanccire un confine tra NOI speciali e loro, i lobbysti magna magna (30 mila euro per vecchi schetch chi li ha presi?). Giusto vederci chiaro in certi accessori spreca soldi,che vanno oltre, come l'ovovia del ponte Calatrava, i vetri a pavimentare..ci sono anche nelle semplci rotatorie: basterebbe un bordo di cemento ma ci mettono porfido piazzato a mano che dopo un anno e'gia sconnesso e rattoppato con gettate rozze di asfalto a freddo, come pure piazze estrade.Belle pochi giorni..poi via a camion e mezzi pesanti e si sconnettono.Ma nassunodice che non servono...soloche si puo' risparmiare. Dopo i bacioni,se non va ,c'e'anche il ciaone..ed il ritorno a casa madre.
2019-02-03 17:37:44
Prove di Elezioni Europee. Chi offre di piu'? Un consiglio: andate al mare non a votare, anche se nevica, tanto la musica in Italia NON cambia!