Martedì 6 Marzo 2018, 10:23

Renzi congela le dimissioni, l'irritazione di Gentiloni. Tra i dem scoppia la rivolta

Renzi e Gentiloni (lapresse)

di Alberto Gentili

Non poteva finire peggio. Il crollo del Pd, la dimissioni fantasma di Matteo Renzi, le accuse del segretario a Sergio Mattarella e a Paolo Gentiloni rei di avergli impedito di andare alle elezioni l'anno scorso, il no a un governo con i Cinquestelle, innescano la bagarre. Tutti contro tutti. E tutti in armi. Con i big del partito che tagliano i ponti con il segretario. E' una giornata buia per il Partito democratico. E non solo perché in meno di 4 anni i consensi si sono dimezzati: dal 40% delle europee al 18% di ieri....
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Renzi congela le dimissioni, l'irritazione di Gentiloni. Tra i dem scoppia la rivolta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-07 18:46:09
.. vogliono che se ne vada per fare l'inciucio stellato ( cinque stelle, parte del pd, leu ed estremisti rossi.. come sempre si vita a dx ma casualmnete si va a sx..
2018-03-06 14:21:11
A me dispiace che il Dott. Matteo Rnzi si dimetta da Segretario del Pd. Lo dico perché se rimane è la volta buona che questo Partito fra qualche mese arriva ad una percentuale da prefisso telefonico.
2018-03-07 10:23:16
stamattina lo ha detto "Beppe Grillo" ma siccome è pessimista parlava del DIECI per cento. (ma tanto cambiano sigla)
2018-03-06 14:17:01
ha portato il PD allo sfascio, con la sua arroganza e stoltezza. si era montato la testa. vada via subito senza se e senza ma. si tolga dai piedi e lasci il posto a qualche giovane di buon senso che nel PD ce ne sono. non intralci il proseguo del sistema. probabilmente la sinistra troverà accordi col ms5. almeno si salverà questa itaglietta che stà arrancando. non crea problemi alla sinistra, ancora di più di quelli che ha prodotto. renzi la tua prsunzione ti ha distrutto. ringo alberoni
2018-03-06 14:08:50
L'ennesima pagliacciata della politica italiana. Questa volta made by Renzi. Il quale, dopo aver rimandato continuamente l'orario della conferenza stampa evidentemente arroccato in una stanza con la sua corte di fedelissimi per inventare qualche stratagemma, si presenta con un sorrisetto beffardo. Per annunciare le sue dimissioni dopo il tracollo? Ma neanche per idea. Un preambolo per accusare tutti, non una parola di scusa, nessuna mea culpa, e poi? Qui arriva il bello: annuncia le dimissioni a tempo. Una marchingegno macchiavellico per inpedire qualsiasi soluzione politica se non quella che lui predilige. Addirittura detta le regole: il prossimo segretario deve passare per le primarie. Ci rendiamo conto o no chi era e chi e' questo personaggio assetato di potere???