Manovra, Salvini: Bruxelles attacca un popolo. Di Maio: «Non ci fermeremo»

PER APPROFONDIRE: manovra, matteo salvini, ue
 Salvini incontra a Bucarest la collega titolare degli Interni  Carmen Dan
«Non stanno attaccando un governo, ma un popolo. Sono cose che fanno irritare ancora di più gli italiani e poi qualcuno si lamenta che l'Unione Europea è al minimo della popolarità». Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a margine della sua visita a Bucarest.

LEGGI ANCHE Bruxelles boccia la Manovra e chiede all'Italia una nuova Legge di Bilancio

Bruxelles boccia la manovra italiana? «Spero che non sia così, altri Paesi hanno fatto di peggio. Ma se sarà così noi andremo avanti, io non tolgo un euro per i giovani, per cancellare la Fornero, per i disabili», aveva già detto oggi il ministro dell'Interno aggiungendo che «se leggeranno i numeri con obiettività smetteranno di mandare lettere».

«L'unico organismo che potrà migliorare la manovra è il parlamento italiano, non togliamo un solo centesimo dalle tasche degli italiani. Ascoltiamo tutti ma non torniamo indietro», ha aggiunto Salvini. «La manovra contiene 15 miliardi di euro di investimenti e non toglieremo un solo euro da questo. Risponderemo a tutte le lettere, sono pronto ad incontrare anche domani il presidente della Commissione europea per spiegargli la manovra, ma nessuno toglierà un euro dalle tasche degli italiani», ha aggiunto il vice premier.

«Non abbiamo intenzione di uscire dall'euro né dall'Ue ma vogliamo cambiare le regole di Bruxelles che danneggiano l'Italia», ha poi aggiunto Salvini.

Di Maio.
«È la prima manovra che non piace alla Ue. Non mi meraviglio: è la prima manovra italiana che viene scritta a Roma e non a Bruxelles!». Così in un post su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio.


«Sappiamo di essere l'ultimo argine per la salvaguardia dei diritti sociali degli italiani. E per questo non vi deluderemo. Sappiamo che, se dovessimo arrenderci, farebbero velocemente ritorno gli »esperti« pro banche e pro austerity. E quindi non ci arrenderemo. Sappiamo che stiamo percorrendo la strada giusta. E perciò non ci fermeremo». 


 

Conte.
La «manovra non è stata improvvisata. Dire oggi che la rivediamo non avrebbe senso», ha detto il premier Giuseppe Conte a Mosca. Secondo il premier il «parere critico dell'Ue era nell'aria, ci confronteremo. Ho sempre detto che sarei irresponsabile se non fossi preoccupato» per l'andamento dello spread ma «nel momento in cui riusciremo a perseguire questo dialogo» con la Commissione europea «confido che possa abbassarsi».

Fico.
«Ci sarà una interlocuzione secondo me costante tra il Governo e la Commissione europea. Non mi sembra ci siano dinamiche dell'uno contro l'altro, ma dinamiche di spiegazione degli interessi italiani e dell'Europa». Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico a chi gli chiede, al termine di un convegno a Montecitorio, se sia preoccupato della bocciatura della manovra da parte dell'Europa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 23 Ottobre 2018, 15:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manovra, Salvini: Bruxelles attacca un popolo. Di Maio: «Non ci fermeremo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-10-24 07:53:50
EEE NO salvini, non attaccano assolutamente il Popolo Italiano. Cercano di insegnare ai legagrilli a fare di conto (impresa ardua) e a rispettare gli accordi presi. Il Popolo Italiano ringrazia la UE come fece nel novembre 2011. Ti hanno scaricato giustamente pure Orban e Kurz, sai com'è finchè si tratta di raccontare balle ai legagrilli è un conto, ma quando vai a chiedere soldi per aumentare il debito..................Mica sono fessi i populisti Europei, quelli i conti li sanno fare e conoscono le materie economiche-finanziarie.
2018-10-23 23:51:17
Non vorrei che Salvini e Di Maio fra qualche tempo si trovino senza argomenti per giustificare questa manovra e la loro politica fatta a proprio uso e consumo
2018-10-23 21:29:51
... il dado è tratto.. il rubicone attraversato. il guanto è stato gettato .. la guerra sarà lunga e dolorosa e la vittoria arriderà solamente se il popolo marcerà compatto e saprà soffrire.. e qui a mio avviso casca l'asino e pure il nostro residuo onore..
2018-10-23 19:36:09
Vedo che molti hanno nostalgia delle lacrime della signora Fornero, versate per voi e per molti in remissione dei peccati mai commessi.
2018-10-23 18:46:49
"errare humanum est, perseverare autem diabolicum".