Governo, Berlusconi: grande preoccupazione in Europa

Berlusconi: grande preoccupazione in Ue
«Preoccupazione è la parola che fotografa la situazione attuale. Ciò che accade in Italia desta moltissima preoccupazione in tutta Europa. Io sono molto preoccupato per quello che succede nei mercati, può succedere alle aziende e alle famiglie italiane». Lo dice Silvio Berlusconi al termine del vertice Ppe a Sofia.

«Vi posso assicurare che non c'è nessun nessun complotto. Anzi, c'è il contrario del complotto, c'è la voglia di aiutare l'Italia a uscire dalla situazione in cui siamo», prosegue Berlusconi, rispondendo a chi gli domanda se ritiene che la reazione dell'Europa al contratto di governo M5s-Lega sia paragonabile a quella del 2011.

È tentato dal ritorno in Parlamento? «No, no, non sono tentato. Per ora non c'è nessun programma al riguardo. Vediamo nel prosieguo cosa succede», sottolinea poi l'ex premier.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 16 Maggio 2018, 18:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Governo, Berlusconi: grande preoccupazione in Europa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-05-17 12:24:57
Traduzione: tutti noi ricchi siamo preoccupati che voi non facciate i nostri interessi; non toccate le mie aziende!
2018-05-17 08:19:20
Dovrebbe preoccuparsi...anzi...VERGOGNARSI di come ha ridotto l'Italia nei suoi sgoverni delle leggi ad personam con la lega delle lauree e dei diamanti. Se siamo arrivati in queste condizioni è solo colpa sua...che che ne dicano e scrivano quelli con le fette di pomodoro sugli occhi che vedono tutto rosso...e ancora credono che i comunisti mangino i bambini a merenda....buff.......
2018-05-16 23:47:48
.....ma non era....per lui....?
2018-05-16 21:33:04
Proprio lui parla,quello dei primi veti che impedivano qualsiasi intesa.Prima ferma tutti e dopo fa lo sciacallo,non è minimamente credibile né affidabile.
2018-05-16 19:33:44
Mi pare ovvio che l’europa si preoccupi c’è il rischio che l’italia non voglia più farsi sfruttare dall’europa.certo che quando tocca a noi partono in quarta ma quando c’è da redistribuire i migranti si decide ma non si fa propio niente.