Genitori Renzi ai domiciliari, l'ex premier annulla gli impegni: «Assurdo, non mi faranno fuori così»

Genitori Renzi ai domiciliari, l'ex premier annulla gli impegni: «Assurdo, non mi faranno fuori così»
Quando gli è piombata addosso la notizia che i siti aprivano con gli arresti domiciliari per i suoi genitori, Matteo Renzi stava arrivando a Torino per presentare il suo ultimo libro. Lo aspettavano al Circolo della Stampa, l'evento era previsto per le 21. Impossibile andare: l'ex premier ha fatto dietrofront e, preso il cellulare in mano, ha scritto pubblicato su facebook un lungo messaggio definendo «assurdo e sproporzionato» il provvedimento contro il padre Tiziano Renzi e la madre Laura Bovoli. «Non mi farete fuori per via giudiziaria», la reazione a caldo dell'ex segretario Pd

In sala al Circolo della Stampa di Torino, per assistere alla presentazione di 'Un'altra strada. Idee per l'Italia di domani', edito da Marsilio, c'erano diversi esponenti locali del Pd, tra cui è calato lo sgomento. La notizia è comparsa in evidenza su tutti i siti di informazione, finché non è arrivato anche il lungo post dell'ex premier.

«Sono costretto ad annullare la presentazione del libro a Torino per una grave vicenda personale - scrive Renzi -. Da circa un’ora mio padre e mia madre sono ai domiciliari. Ho molta fiducia nella giustizia italiana e penso che tutti i cittadini siano uguali davanti alla Legge. Dunque sono impaziente di assistere al processo. Perché chi ha letto le carte mi garantisce di non aver mai visto un provvedimento così assurdo e sproporzionato. Mai».

«Adesso chi crede nella giustizia aspetta le sentenze. Io credo nella giustizia italiana e lo dico oggi, con rispetto profondo, da servitore dello stato. Arriveranno le sentenze e vedremo se questi due cittadini settantenni, incensurati, sono davvero i pericolosi criminali che meritano - oggi, casualmente proprio oggi - questo provvedimento. Arriveranno le sentenze e misureremo la credibilità delle accuse. Arriveranno le sentenze e vedremo chi è colpevole e chi no».

«Da rappresentante delle Istituzioni difendo lo Stato di diritto e chiedo a tutti di credere nella giustizia.
Da figlio sono dispiaciuto per aver costretto la mia famiglia e le persone che mi hanno messo al mondo a vivere questa umiliazione immeritata e ingiustificata. Se io non avessi fatto politica, la mia famiglia non sarebbe stata sommersa dal fango. Se io non avessi cercato di cambiare questo paese i miei oggi sarebbero tranquillamente in pensione». 

«Dunque mi sento responsabile per il dolore dei miei genitori, dei miei fratelli, dei miei figli e dei miei nipoti. I dieci nipoti sanno però chi sono i loro nonni. Sanno che possono fidarsi di loro. E sanno che ciò che sta avvenendo è profondamente ingiusto. Ma voglio che sia chiaro a tutti che io non mollo di un solo centimetro. La politica non è un vezzo personale ma un dovere morale».

«Se qualcuno pensa che si possa utilizzare la strategia giudiziaria per eliminare un avversario dalla competizione politica sappia che sta sbagliando persona. Non ho mai avuto così tanta voglia come stasera di combattere per un Paese diverso e per una giustizia giusta. Chi ha letto le carte dice che di questa storia si parlerà a lungo e che siamo davanti a una decisione assurda. Io non ho letto le carte, aspetto le sentenze. So però ciò che hanno fatto in questi anni alla mia famiglia. E mi basta per dire che non accetteremo nessun processo nelle piazze o sul web. I miei genitori si difenderanno in aula, come tutti i cittadini. Io continuerò a combattere per questo Paese, forte della mia onestà. Forte delle mie idee. Forte dell’affetto di tanta gente che sa perfettamente che cosa sta accadendo».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Febbraio 2019, 21:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Genitori Renzi ai domiciliari, l'ex premier annulla gli impegni: «Assurdo, non mi faranno fuori così»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-02-19 12:08:46
Non entro nel merito, ma mi viene spontanea una riflessione, ti appropri di 49 milioni di euro e diventi deputato e anche viceministro, sequestri delle centinaia di persone e i tuoi soci di governo ti mettono al riparo dalle accuse creando uno scudo di immunità, frodi lo Stato Italiano e diventi primo ministro. Siamo sicuri che tutto funzioni e che ci proporzione tra causa ed effetto?
2019-02-19 18:41:05
Quei 49 milioni erano i normali rimborsi elettorali che la Lega ha ricevuto per legge, in base al numero di voti ricevuti, e nella quasi totalita' sono stati spesi per la normale amministrazione del partito, come hanno fatto anche gli altri partiti. Altrimenti con che soldi avrebbero pagato dipendenti, affitti, materiali ecc. ecc.? Una parte di quei soldi, alcune centinaia di migliaia, invece, non si sa bene che fine abbiano fatto. Se qualcuno se ne e' appropriato, di sicuro non erano tutti i 49 milioni.
2019-02-18 22:51:28
Tipico caso di "fuoco (quasi) amico"
2019-02-19 10:02:08
sembra uno di quei film dove "tolgono di mezzo" il sodale quando non serve piu' "Le Iene" di Tarantino