M5S e la barberia di Montecitorio: volevano chiuderla, è diventata la loro passione

PER APPROFONDIRE: camera, casta, m5s, montecitorio
M5S e la barberia di Montecitorio: volevano chiuderla, è diventata la loro passione
Una volta arrivati in Parlamento, nel 2013, i Cinque stelle avevano pensato di abolire la storica barberia di Montecitorio, considerata uno dei luoghi simbolo dei privilegi della casta. Poi volevano aprirla al pubblico, cavalcando l'iniziativa di cancellare tutte le targhe in ottone del palazzo con la scritta "riservato agli onorevoli deputati". Poi la protesta è scemata. Complice, forse, il vantaggio di avere a disposizione un servizio che si adattava ai ritmi frenetici dei lavori parlamentari.

LEGGI ANCHE Condom gratis ai rifugiati, nuovo scontro M5S-Lega: il Movimento ritira l'emendamento

Adesso, nell'era del governo gialloverde, raccontano, nel salone di coiffeur in stile Liberty, al piano Aula del palazzo berniniano, si vedono spesso proprio i parlamentari grillini, soprattutto donne. Ma anche i vertici.  Non rinuncia al taglio di capelli dei figaro della Camera, infatti, il presidente dell'Assemblea Roberto Fico, ma anche il vicepremier Luigi Di Maio, fissato per la rasatura quasi militare, mai zazzera e sempre viso pulito, spesso con macchinetta per fare più veloce e a portata di seduta.  Qualcuno parla di processo di istituzionalizzazione in atto dei grillini, una sorta di normalizzazione, a maggior ragione ora che sono nella stanza dei bottoni.

Tanti esponenti pentastellati vengono per un rapido restyling del look. Specialmente le deputate, che 'a marginè dei lavori dell'Aula o delle Commissioni ne approfittano per lavare i capelli e una messa in piega col phon, al prezzo di 18 euro. Anche gli alleati di governo della Lega sono abituali clienti. Per ragioni di spending review, sono 4 i barbieri attualmente in servizio, tutti dipendenti di Montecitorio reclutati con regolare concorso ad hoc. I prezzi del servizio barberia sono stati adeguati al tariffario degli artigiani della provincia di Roma. 

Nel dettaglio il listino per gli uomini è di 15 euro per un semplice taglio, lo shampoo costa 8 euro, idem la barba, mentre la frizione extra vale 6 euro. Per taglio e shampoo si spendono 18 euro, stessa cifra per shampoo e messa in piega delle deputate.  Sono ammessi deputati e senatori (questi ultimi da quando fu chiusa la barberia di palazzo Madama, ovvero due legislature fa), membri del governo, ma anche ex parlamentari, funzionari, collaboratori di onorevoli e giornalisti iscritti all'Asp.

Storia tormentata quella del Reparto Barberia, questo il nome ufficiale. Prima gratuito, diventa a pagamento nel 1991. Nel 2007 c'è già chi vuole chiuderla. Nel 2011, la crisi ne riduce il personale. Dal giugno 2014 i sette barbieri che spuntano i baffi e tagliano barbe e capelli agli onorevoli possono acconciare anche le chiome delle parlamentari donna.  La location è la stessa: l'apposito salone in stile Liberty, al piano Aula di palazzo Montecitorio. È il collegio dei questori a dare il via libera definitivo all'onorevole coiffeur, garantendo la pari opportunità anche in questo campo.  Nel 2016 viene scongiurata la serrata grazie alla riduzione dell'orario del servizio a pagamento e ai tagli del personale (i figaro passano da 7 a 4) sempre in nome della spending review e soprattutto della razionalizzazione delle spese.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Novembre 2018, 16:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
M5S e la barberia di Montecitorio: volevano chiuderla, è diventata la loro passione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-11-19 08:53:03
Questa "nuova" classe politica non finisce mai di stupire !!
2018-11-18 22:04:05
certo, ma quanto guadagnano i barbieri? mica vivranno con i soldi che pagano gli onorevoli? e l'affitto, lo pagano?
2018-11-18 19:02:37
In nome della spending review sarebbe meglio che i barbieri non fossero dipendenti statali ma artigiani che lavorano in proprio e che pagassero l'affitto per i locali che occupano a Montecitorio. Poi vediamo se i prezzi rimangono così favorevoli per i parlamentari, ex parlamentari, funzionari, collaboratori di onorevoli e giornalisti iscritti all'Asp. Chi manca? Tutta la gente che paga il conto.
2018-11-18 18:45:01
Io sto sempre aspettando che si riducano la paga a 5000 euro lordi al mese, perchè sopra quella cifra ci sono i borghesucci e la casta, e i nostri eroi non sono certamente casta.
2018-11-18 18:12:26
Certo e' che la stampa cerca ogni occasione pur di denigrare il M5S. Sembra di essere all'asilo infantille.