Ritirata la medaglia per il primo anno di pontificato di Bergoglio: è sbagliata

Medaglia commemorativa primo anno pontificato Francesco sbagliata
Per il primo anno di pontificato di Papa Francesco l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha messo in vendita ieri una medaglia commemorativa.

Peccato che la medaglia in questione contenga un errore grossolano, tanto da costringere il Vaticano a ritirarla dal commercio.



Il retro della medaglia, come si legge nel certificato di garanzia, dovrebbe riportare nell'incisione un'espressione tratta dalle Omelie di san Beda il Venerabile: VIDIT ERGO JESUS PUBLICANUM ET QUIA MISERANDO ATQUE ELIGENDO VIDIT, AIT ILLI SEQUERE ME. Ma al posto della lettera «J» di Jesus è stata incisa una lettera «L».



La conferma arriva dalla sala stampa Vaticana, interpellata da Omniroma. La frase, incisa intorno alla raffigurazione della chiamata di Matteo, segnò il giovane Jorge Mario Bergoglio quando, diciassettenne, nella festa di san Matteo del 1953, sperimentò in un modo del tutto particolare la presenza amorosa di Dio nella sua vita. In seguito ad una confessione, egli si sentì toccare il cuore ed avvertì la discesa in esso della misericordia di Dio che, con sguardo di tenero amore, lo chiamava alla vita religiosa, sull'esempio di sant'Ignazio di Loyola. La medaglia è stata coniata in oro, argento e bronzo, con un diametro di 44 mm., ed è opera dell'artista Mariangela Crisciotti.



Secondo quanto si apprende dalla sala stampa vaticana, complessivamente ne sono stati venduti solo quattro esemplari, motivo per cui, sottolineano sempre dalla sala stampa, le medaglie in mano ai fortunati acquirenti sono destinate ad aumentare sensibilmente di valore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 10 Ottobre 2013, 15:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ritirata la medaglia per il primo anno di pontificato di Bergoglio: è sbagliata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2013-10-11 07:57:00
lo hanno fatto di proposito. Sarebbe interessante sapere a chi sono state vendute! Conoscendo la fama degli italiani non c'è da stupirsi che lo abbiano fatto di proposito per guadagnarci sopra. È veramente una cosa inconcepibile!
2013-10-10 18:03:00
collezionisti una prelibatezza da collezione: peccato non possederne una.