Il treno parte in ritardo, viaggiatore prende a pugni il capotreno: denunciato

PER APPROFONDIRE: capotreno, giulianova, picchiato, pugni, treno
Il treno parte in ritardo, viaggiatore prende a pugni il capotreno: denunciato

di Azzurra Marcozzi

La Polizia ferroviaria di Giulianova è riuscita a fare piena luce su un fatto di cronaca di una particolare gravità accaduto proprio nello scalo ferroviario giuliese. Un passeggero in attesa della partenza del treno, poi identificato in un trentacinquenne di Teramo, dava segni di impazienza in quanto l’orario della partenza del convoglio era stato superato ed il treno non partiva. A terra, vicino al treno c’era il capotreno. Il viaggiatore “mancato” lo ha avvisato e gli si è avvicinato per chiedergli il motivo per il quale il treno non si fosse ancora messo in moto. Il capotreno deve avergli dato qual che risposta che il teramano non ha apprezzato o non lo ha soddisfatto. Fato sta che, per tutta risposta, lo ha colpito con un pugno al volto, dandosi successivamente alla fuga.

Il capotreno ha avvertito gli agenti della Polfer che erano in servizio ed ha cercato di ricostruire l’identikit dello sconosciuto. Non voleva fare altro, ma i poliziotti lo hanno convinto a recarsi al Pronto soccorso dell’ospedale dove i medici di turno gli hanno suturato la ferita che aveva riportato ad un labbro. Alla luce di quanto avvenuto la Polfer si è messa alla ricerca dell’uomo e lo ha identificato in un utente altre volte notato alla stazione giuliese. Gli agenti lo hanno rintracciato e, una volta nel posto Polfer della stazione, gli hanno notificato una denuncia per lesioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 18 Gennaio 2019, 09:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il treno parte in ritardo, viaggiatore prende a pugni il capotreno: denunciato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-18 15:42:30
Storia di ordinaria maleducazione. Il reno sara' partito con ulteriore ritardo. Al gentile signore, oltre a una giusta dose di forza pubblica andrebbero addebitati i danni subiti da ferroviere, Trenitalia e TUTTI gli altri viaggiatori. Pero' resta da chiedersi COME e COSA gli abbia risposto un incaricato di pubblico servizio che in quel momento stava violando il contratto con i viaggiatori (pago il biglietto, il treno parte e arriva in orario)