Treno deragliato, quattro persone indagate a Milano

PER APPROFONDIRE: indagini, milano, treno deragliato
Treno deragliato, 4 indagati a Milano
Ipotesi disastro ferroviario colposo
Ci sono i primi iscritti nell'indagine della Procura di Milano sull'incidente ferroviario di giovedì scorso nel quale sono morte tre donne e 46 persone sono rimaste ferite. I pm di Milano Maura Ripamonti e Leonardo Lesti, che con il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano coordinano l'inchiesta sul tragico deragliamento del treno partito alle 5.32 da Cremona e mai arrivato alla stazione di Porta Garibaldi, hanno iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, Maurizio Gentile, ad di Rete Ferroviaria Italiana, Umberto Lebruto, direttore produzione sempre di Rfi, Cinzia Farisè e Alberto Minoia, rispettivamente amministratore delegato e direttore operativo di Trenord. 
 
 

Le ipotesi contestate sono disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo. Reati in relazione ai quali, in base alla legge 231 del 2001, quella sulle responsabilità amministrativa degli enti, dovrebbero essere indagate a breve anche le due società. Società che, tramite i loro legali, in questi giorni hanno assicurato ai magistrati la loro collaborazione. Da quanto si è saputo le quattro iscrizioni, per altro non inaspettate, sono state effettuate questa mattina e sono a garanzia degli indagati: permetteranno loro di partecipare agli esami autoptici previsti nei prossimo giorni sui corpi delle tre vittime con consulenti da loro nominati. Lo stesso vale per gli accertamenti tecnici irripetibili che verranno effettuati nell'ambito della super consulenza disposta dalla Procura per accertare le cause dell'incidente.

Ad autopsie ed accertamenti tecnici, inoltre, parteciperanno, se lo vorranno, gli esperti dei familiari delle tre donne che hanno perso la vita. Stamani in Procura si è tenuta pure una riunione fiume, alla quale hanno preso parte gli investigatori della Polfer e della Gdf e nella quale i pm hanno materialmente conferito gli incarichi agli ingegneri Fabrizio D'Errico e Roberto Lucani e a un esperto informatico al quale spetterà, tra l'altro, estrapolare i dati della scatola nera del treno deragliato. Dati che convergeranno nella super consulenza e si aggiungeranno agli elementi già raccolti nell'area dell'incidente lungo i 2,3 chilometri di linea ferroviaria, tra i quali, per esempio, ci sono il pezzo di ferro di 23 centimetri che si è staccato dalla rotaia, una tavoletta di legno infilata proprio sotto la giuntura del binario chiamato 'punto zerò e una traversina distrutta.

Per completare il quadro su cui lavorare per far luce sul disastro ferroviario, dopo l'ispezione all'interno del treno, nei prossimi giorni verranno fatti i rilievi sui carrelli dei vagoni, in particolare del terzo e il primo a scarrocciare. Per questa operazione però si è in attesa di un piano per sollevare, con una gru, le carrozze le quali poi, una volta 'cristallizzatè tutte le prove, verranno trasportate in un apposito hangar. Infine, per ricordare l'incidente, oggi, il Consiglio Comunale di Milano si è aperto con un minuto di silenzio. Rfi, invece, ha incontrato le organizzazioni sindacali con le quali ha condiviso e ribadito l'importanza della sicurezza. ​
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 29 Gennaio 2018, 17:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Treno deragliato, quattro persone indagate a Milano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-01-30 14:09:59
....si spendono miliardi allegramente che le ferrovie a sud tipo la "vitale" napoli /salerno dove forse passano 3 (tre) treni al giorno,per far "colpi" a milano.....e si lesinano fondi per tratte che devono sopportare centinaia di treni a giorno....!.....buon senso italiano....dove sei....?
2018-01-30 13:53:30
.....se il carrello difettoso faceva gia' scintille qualche chilometro prima.....avra' forse tranciato la rotaiain quel punto di giuntura un po' piu' sporgente.....!
2018-01-30 10:59:58
Non occorre andare in cerca di indagare qualcuno. Gli unici colpevoli sono al governo, quelli che continuano a tagliare risorse dappertutto. Ministro dei trasporti se ci sei batti un colpo!!
2018-01-29 19:42:23
Vedere un simile rattoppo su un binario, la dice lunga sulle responsabilità del personale addetto e dei propri responsabili.
2018-01-29 21:11:46
Il pezzo che è saltato via non è un rattoppo ma un giunto chiamato anche fungo. La rete ferroviaria ne è piena, e sono in corrispondenza delle linee elettriche (i cavi neri che si vedono anche nelle foto). Sono l'unico modo per fare da interruzione di corrente dei cavi sopracitati al passaggio dei treni. Il rattoppo semmai è aver messo uno spessore sotto la rotaia per cercare di attutire le vibrazioni in attesa della sostituzione del giunto evidentemente non più stabile. Tale procedura (lo zoccolo di legno) non è prevista e non vorrei essere nei panni di chi ha avuto l'idea.