Tiziana Cantone, la mamma a Storie Italiane: «Uccisa dal web». Video porno ancora online

PER APPROFONDIRE: porno, storie italiane, tiziana cantone
Tiziana Cantone, la mamma a Storie Italiane: «Video porno ancora online, il web l'ha uccisa»
Maria Teresa, mamma di Tiziana Cantone, parla in diretta a Storie Italiane, su Rai2. Il suo è un grido di dolore e una richiesta di giustizia per la figlia che si è tolta la vita dopo la pubblicazione online e la diffusione in chat di video porno che la vedevano protagonista. «Stupro virtuale», così viene definito quanto subito da Tiziana Cantone. Un calvario che continua anche dopo la sua morte, dato che i video sarebbero ancora rintracciabili online, su siti porno.
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Febbraio 2019, 10:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tiziana Cantone, la mamma a Storie Italiane: «Uccisa dal web». Video porno ancora online
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-02-21 14:04:16
Colpa degli altri N 45. Ma si svegli...
2019-02-21 13:46:28
Ognuno deve vivere la propria sessualità come meglio vuole, con eccessi o con moderazione, sempre che avvenga esclusivamente tra un uomo ed una donna (come ha deciso Dio) adulti e consenzienti....
2019-02-21 14:40:50
@michelangelo79: Alla faccia dell'omofobia. Se lei e' stato addomesticato al pensiero unico, non significa che abbia il diritto di andare a fare figuracce nei forum copia incollando cio' che hanno detto di fare a lei. Sappia che c'e' gente che, diversamente da lei, pensa con la propria testa, quindi la sua folle idea di un dio (che non esiste ed e' inventato dall'uomo) e' grottesca quanto ignorante. Non parliamo della maleducazione e supponenza dell'andare a dire agli altri come devono vivere la loro vita. Cerchi di svegliarsi fuori.
2019-02-21 12:39:07
Il Web non uccide. Sono le persone a togliersi la vita di loro iniziativa quando vale sempre la pena di viverla. Purtroppo.
2019-02-21 12:28:34
ma e' mai possibile che uno non possa fare quello che vuole e scatta la morbosita' del pubblicare, guardare, condividere....