Caso Yara, confermato ergastolo per Bossetti in appello

PER APPROFONDIRE: bossetti, sentenza, yara
Caso Yara, ergastolo a Bossetti
Corte d'appello conferma sentenza
E la moglie scoppia in lacrime
Massimo Bossetti voleva uscire «a testa alta» dal processo d'appello per l'omicidio di Yara Gambirasio. Dopo oltre 15 ore di camera di consiglio i giudici della Corte d'assise d'appello di Brescia hanno deciso che non doveva essere così: nessuna perizia sul Dna e conferma della condanna all'ergastolo per il muratore di Mapello per l'omicidio di Yara Gambirasio. 
 
 

Per uno dei suoi legali, Claudio Salvagni, pronto a ricorrere in Cassazione, «siamo di fronte a un clamoroso errore giudiziazio, oggi si è assistito a una sconfitta del diritto». Mentre Bossetti dopo la sentenza ha pianto, così come la moglie, Marita Comi e sua madre Ester Arzuffi.

Al contrario, «giustizia è fatta!» ha commentato uno dei legali di parte civile, Enrico Pelillo, che ha informato i genitori della tredicenne. La famiglia Gambirasio, sobria come dall'inizio di questa tragica vicenda, si è limitata a ringraziarlo senza aggiungere altro. La sua estrema difesa il muratore di Mapello, in carcere da tre anni, l'ha affidata a delle dichiarazioni spontanee scritte su fogli che ha estratto da una carpetta rossa e che ha usato per chiedere alla Corte di riparare «al più grande errore giudiziario di tutta la storia».

«C'era necessità di scomodare un immenso esercito e umiliarmi davanti ai miei figli e al mondo intero?» ha detto in modo accorato riferendosi al suo arresto, il 14 giugno del 2014 nel cantiere in cui lavorava a Dalmine. «Perché? Perché? Perché?» ha ripetuto il muratore. E girandosi verso il pubblico in aula per poi tornare ai giudici ha aggiunto: «Io non sono un assassino, mettetevelo in testa. Quel Dna non è mio». Lui voleva che fosse ripetuto l'esame genetico che lo inchioda. Aveva anche chiesto scusa per il comportamento scorretto in aula, quando, mentre parlava il sostituto pg Marco Martani, lui era sbottato: «Viene qui a dire idiozie».

Per l'accusa, invece, è «ineccepibile» la sentenza con cui la Corte d'Assise di Bergamo, un anno fa, lo aveva condannato all' ergastolo per l'omicidio della tredicenne. Dalla prova del Dna è arrivata la «assoluta certezza della sua responsabilità
»; più una serie di indizi che fanno da corollario: il suo furgone nelle immagini delle telecamere nei pressi della palestra da cui Yara scomparve, le fibre trovate sul corpo della ragazza, compatibili con quelle dei sedili del Fiat Daily del muratore. Da qui la richiesta della conferma del carcere a vita e anche di sei mesi di isolamento diurno per aver «incolpato» un collega, cercando di indirizzare le indagini su si lui. Dalla presunta calunnia Bossetti era stato assolto in primo grado.

E così è stato anche in appello. La Corte d'Assise d'Appello ha accolto in pieno quanto formulato nella sentenza di primo grado. Il muratore, padre di tre figli, ancor più che scendere in dettagli processuali, ha voluto rivolgere un
«sincero pensiero» a Yara Gambirasio. «Poteva essere mia figlia, la figlia di tutti noi - ha detto - neanche un animale avrebbe usati tanta crudeltà». Ha provato a descriversi come un buon padre di famiglia che «ha avuto la vita distrutta per accuse da cui è estraneo».

Un ritratto ben diverso da quello tracciato dal pg: Bossetti
«non era insensibile al fascino delle ragazzine tredicenni» e «non è inverosimile che l'imputato possa avere tentato un approccio sessuale con Yara. Solo Bossetti ci potrebbe dire come sono andate le cose, ma credo che a questo punto non lo farà mai» aveva detto Martani. La Corte ha accolto la tesi dell'accusa e ha confermato l'ergastolo. Per la difesa, scontato il ricorso in Cassazione.

LE TAPPE DELLA VICENDA La decisione dei giudici della Corte d'assise d'appello di Brescia di confermare l'ergastolo a Massimo Bossetti chiude, fino all'inevitabile udienza in Cassazione, un caso che ha visto innumerevoli colpi di scena. Ecco le tappe di una vicenda che dura ormai da quasi sette anni.

26 novembre 2010 - Yara Gambirasio, 13 anni, scompare a Brembate di Sopra dalla palestra in cui pratica la ginnastica ritmica vicino a casa. Alle 18.47 il suo telefonino si aggancia a una cella, poi nessuna traccia. 5 dicembre - Viene fermato a bordo di una nave diretta a Tangeri Mohamed Fikri, marocchino che lavora in un cantiere edile. La sua posizione sarà archiviata perché del tutto estraneo all delitto.

26 febbraio 2011 - L'angoscia si trasforma in incubo per la famiglia di Yara: il suo corpo è ritrovato in un campo a Chignolo d'Isola, una decina di chilometri da Brembate (Bergamo). È stata uccisa sul posto, con alcune coltellate ma é morta anche per il freddo.

15 giugno 2011 - Gli investigatori isolano una traccia di Dna maschile sui leggins e slip della ragazza: è quella di Ignoto 1

16 giugno 2014 - Dopo mesi di comparazioni del Dna di Ignoto 1 con quello di decine di migliaia di persone di tutto il Bergamasco viene arrestato Massimo Bossetti, muratore di Mapello, sposato e padre di tre figli. Due giorni prima gli era stato prelevato il Dna che era risultato coincidere con quello di Ignoto 1. A lui gli investigatori erano giunti attraverso la madre, Ester Arzuffi.

1 luglio 2016 - Massimo Bossetti è condannato all'ergastolo dopo un processo durato un anno e nel quale sono stati sentiti decine di testimoni, consulenti genetisti, investigatori, in un clima di crescente scontro tra accusa e difesa. È invece assolto per la calunnia ai danni di un collega, che era stato indicato come possibile autore del delitto.

30 giugno 2017 - Comincia il processo di secondo grado davanti ai giudici della Corte d'assise d'appello di Brescia. Il sostituto pg definisce «ineccepibile» la sentenza di primo grado e chiede anche la condanna per calunnia. La difesa chiede l'assoluzione o la ripetizione dell'esame del Dna. «Siamo disponibili a metterci la faccia e Bossetti ci metterà il suo sangue, ma dateci questi accertamenti per comparare il Dna dell'imputato con la traccia genetica trovata sul cadavere». chiede con forza la difesa. «Altrimenti - aggiunge - Bossetti va assolto». Lui ribadisce la sua innocenza: «Non sono un assassino, mettetevelo bene in testa».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Luglio 2017, 00:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caso Yara, confermato ergastolo per Bossetti in appello
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2017-07-19 12:45:57
onore agli investigatori che sono riusciti ad incastrare il colpevole senza cadere in tranelli burocratici tesi dai soliti avvocati. cosa che non è successa con unabomber. chiedevano la ripetizione del test del dna perchè sanno che non si può più fare e nel dubbio è meglio un colpevole libero che un innocente dentro e le loro tasche piene perchè al poveraccio alla fine gli mangiavano anche la fodera delle tasche.
2017-07-19 10:40:11
Da ammirare la compostezza dei genitori di Yara in tutta la vicenda
2017-07-19 10:35:46
Sono riusciti a trovare l'ago in un mucchio di pagliai Quando sono risaliti al padre del colpevole hanno messo sotto intecettazione il telefono della mamma di Bossetti Dopo di che hanno dato la notizia ai media Quando la madre ha sentito la notizia chiamo' il figlio e gli disse che c'era la possibilita' che gli inquirenti andassero da lui Altro che un giretto con la corriera......
2017-07-19 08:44:20
Sempre antropologicamente interessante, anche se piuttosto deprimente, leggere commenti su fatti come questi. I soliti tuttologi complottisti, che mai si prenderebbero la briga leggere con attenzione una sentenza e le prove che la sostengono, emettono il verdetto "a naso". Naturalmente di innocenza se il condannato è "nostrano", di condanna senza appello e con esecuzione sommaria se straniero. A fare il giudice in questo paese ci vuole davvero una vocazione altrimenti non si spiega ...
2017-07-18 17:08:14
Complimenti alla PM del primo processo, che senza tanta pubblicità si è data da fare ed ha documentato senza ombre l accusa! Ora basta però. La moglie piange, è già, nonandra più in tv a fare la lagna o cercare poltrone!! Le rimane un unica via...