«Sull’ambulanza sono tutti maschi». Marocchino rifiuta i soccorsi per la moglie incinta

PER APPROFONDIRE: ambulanza, maschi, rifiuta, soccorsi
«Sull’ambulanza sono tutti maschi». Marocchino rifiuta i soccorsi per la moglie incinta
Ancora una storia che ha dell’incredibile. E sì perché un marocchino (residente da tempo in Lombardia) voleva costringere a tutti i costi la moglie incinta a non farsi portare all’ospedale perché nell’ambulanza i soccorritori «erano tutti uomini». Una storia che, a Milano, ha portato in carcere il 23enne. «Non voglio che salga lì sopra», urlava indemoniato mentre prendeva a calci il mezzo. «Ci sono solo maschi, chiamate qualcun altro».

L’uomo, quando la scorsa notte la moglie, per strada, si è sentita poco bene, all’arrivo dell’ambulanza ha impedito alla donna di salire. Così il 118 ha chiamato la polizia. Quando gli agenti sono giunti sul posto, in via Pichi, lui li ha aggrediti, ed è così finito in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e per il danneggiamento della Volante. La donna è stata quindi trasportata in ospedale per gli accertamenti del caso. Dopo le comparazioni dattiloscopiche è emerso che a carico del 23enne pendeva anche un ripristino della carcerazione avverso a una sospensione di pena nell’ambito di una condanna per spaccio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 16 Agosto 2018, 14:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sull’ambulanza sono tutti maschi». Marocchino rifiuta i soccorsi per la moglie incinta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 43 commenti presenti
2018-08-18 15:21:24
Tranquilli, è un musulmano moderato...
2018-08-18 13:29:18
Cosa aspettate mandatelo al suo paese con famiglia a seguito,questi procurano solo rogne ,finiamola di sopportare ste cazzate.
2018-08-18 06:44:15
Fatto accaduto . Una vicina si sente male.Pur essendo in molti parenti o connazionali dotati di moderni telefonini, improvvisamente si dichiarano incapaci di agire e di porcedere e pretendono che usi il mio telefono fisso e risponda al centralinista.Dico ad uno di tirare fuori il suo apparecchio e comporre il 118 e di comunicare il suo numero e seguire le domande dell'addetto.Insomma..l'italiano lo sa perfettamente e parte l'ambulanza.Consigli a due connazionali di andare per strada ed attendere all'imbocco della strada interna e fare segnalazioni.Dopo 10 minuti l'ambulanza arriva ma un arrogante brontola che al Paese suo, da dove e'' scappato, arrivano in 5 minuti ( figurarsi....)poimi dice che l'hanno riconosciuto dall'accentoe che sarebbe stato meglio un vero italiano con tocco di dialetto veneto.Dopo mezz'ora la riportano a casa, calo di zuccheri per rispeto di rito .
2018-08-17 18:30:12
E bastaaa, se ne pol pì di queste pagliacciate.
2018-08-17 16:37:38
Era condannato per spaccio. Ma era a piede libero perche' in Italia abbiamo i Bergoglio, i Mattarella, i Renzi e i Gentiloni.