Londra, diciottenne romana pestata da gruppo di bulle muore dopo tre settimane di coma

PER APPROFONDIRE: londra, romana, uccisa
Londra, diciottenne romana pestata da gruppo di bulle muore dopo tre settimane di coma
La Procura di Roma ha aperto una indagine in relazione alla morte di Mariam Moustafa, la diciottenne di origini egiziane nata e cresciuta a Roma nel quartiere litoraneo di Ostia, picchiata da una baby-gang di ragazzine inglesi nel centro di Nottingham e morta dopo tre settimane coma. Il fascicolo, nel quale si ipotizza il reato di omicidio, è stato affidato al sostituto procuratore Sergio Colaiocco. Della vicenda se ne occuperà la trasmissione Le Iene domani.




Calci, pugni, in dieci contro una fino a ridurla in fin di vita. Una baby gang composta da ragazze inglesi di origine africana e lei, Mariam Moustafa, in compagnia di un amico, Pablo, che ha potuto fare ben poco. Le bulle l'hanno seguita sopra un autobus e hanno cominciato a insultarla, «per motivi razziali» dicono i familiari che ora vogliono la verità, anche perché l'unica delle ragazze fermate è stata poi rilasciata e le telecamere di sicurezza dell'autobus dove è avvenuto il pestaggio erano rotte.

Negligenze ci sono state anche in ospedale, al Queen's medical center, dove Mariam non è rimasta sotto osservazione per 24 ore, ma è stata rimandata a casa dopo solo 5 ore per poi ritornare il giorno dopo, al Nottingham city hospital: le sue condizioni sono via via peggiorate, aveva gravi lesioni ed è entrata in coma. Dopo 20 giorni è morta, quattro giorni fa.

I FATTI
Non era la prima volta che il gruppetto di giovanissime prendeva di mira Mariam chiamandola «black rose» e insultandola. Era accaduto anche quattro mesi fa, era con la sorella. La giovane musulmana si era trasferita con la famiglia da Ostia a Nottingham, per studiare assieme agli altri fratelli più piccoli e rimanere tutti assieme. Era stata da poco ammessa alla facoltà di Ingegneria. Il 20 febbraio era nei pressi di un centro commerciale Victoria Center di Nottingham in Parliament street, quando la baby gang ha iniziato a darle fastidio: viene colpita, trascinata a terra. La ragazza riesce a divincolarsi: scappa, sale su un bus ma le sue aguzzine la inseguono: in rete gira un video condiviso dalla stessa baby gang in cui si vede la ragazza assediata dalle giovani di colore che urlano e brandiscono un palo. La picchiano finché non interviene l'autista. Ma da allora lamentano i fratelli e i parenti, «la polizia sta ancora investigando, quando sanno chi sono le assassine e ci sono testimoni». Sui social sono nati diversi gruppi in onore di Mariam. E un'ondata di rabbia degli arabi che chiedono giustizia, polemizzano «e poi dicono che i musulmani sono terroristi».

IL CASO
Un malessere che monta di giorno in giorno e che rischiando di provocare un caso diplomatico tra Gran Bretagna ed Egitto. I genitori, il padre Moustafa e la sorella Mallak, ripetono che «la polizia inglese non ha indagato su una aggressione di stampo razzista» e accusano i medici di aver dimmesso Mariam senza accorgersi che aveva un'emorragia cerebrale. E mentre on line circola l'hashtag Mariam's rights will not be lost (I diritti di Mariam non andranno persi). La storia sarà raccontata domani sera, nel corso della puntata de Le Iene Show.

«Alcune di quelle ragazze ad agosto avevano rotto la gamba di Mariam e riempito di pugni la sorella più piccola, Mallak, di 15 anni». A parlare è Nasreen, la madre di Mariam Moustafa, la ragazza italiana morta dopo l'aggressione di una baby gang al femminile a Nottingham, in Inghilterra. A raccogliere le sue dichiarazioni è Pablo Trincia de Le Iene. «Una sera di una settimana fa hanno anche tirato delle uova contro la nostra porta di casa» ha raccontato la donna. La trasmissione parlerà di questa terribile vicenda nella puntata di domani. «Dopo l'aggressione sul bus Mariam è andata in ospedale a Nottingham, dove dopo diverse ore di attesa le hanno detto che poteva tornare a casa. Alle 2.30 siamo tornati in casa e lei è andata a dormire. Al mattino - ha raccontato la mamma - la sorella l'ha trovata boccheggiante su letto, completamente blu in volto e non riusciva a parlare». Mariam si era trasferita Oltremanica con la famiglia da 4 anni. Il padre voleva farla studiare assieme alla sorella di 15 anni e al fratello di 12 nelle scuole inglesi. «Non voleva stare in Inghilterra, ha sempre sognato di tornare a Roma» ha detto la mamma.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Marzo 2018, 10:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Londra, diciottenne romana pestata da gruppo di bulle muore dopo tre settimane di coma
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2018-03-19 13:09:08
Si dice mal comune mezzo gaudio, ma che le culture importate siano un problema anche in altri paesi non mi fa affatto sentire meglio. Forse bisognerebbe unirsi tutti per risolvere definitivamente, alla radice, il problema. Prima che il problema risolva noi.
2018-03-19 14:19:00
il fatto e' che avremmo potuto "far tesoro" delle esperienze (e disgrazie) altrui: vedi "Banlieue" di Parigi, quartieri di terroristi come Molenbeek nel Belgi(ki)stan e "riot" negli USA, invece siamo andati a cercarceli e prenderceli più MXXX di così.
2018-03-19 11:44:20
dopo lo "studente friulano" mandato dagli inglesi in Egitto ..., adesso la studentessa egiziana passata dall'Italia e ammazzata in Inghilterra, cosa faranno? ci vorrebbe lo "Sceriffo di Nottingham" (quello vero)
2018-03-18 21:46:29
... il primo tentativo di globalizzante di macedonica globalizzazione seppur non proprio progressista mondialista papista fu la torre di babele.. per fortuna che chi in dovere se ne accorse e pose fine " all'esperimneto ".. ma l'uomo da troppo intelligente com'è non lo vuo capire e vorrebbe rifarlo.. ma..
2018-03-18 15:15:07
Ragazze "inglesi di origine africana" aggrediscono per motivi razziali una "ragazza italiana di origine egiziana" ? In Gran Bretagna ? Soliti extra comunitari ... Fondamentale l'apertura dell'inchiesta da parte della procura di Roma